Frammenti di razzo cinese in caduta libera: è allerta anche in Puglia

Frammenti di razzo cinese in caduta libera: è allerta anche in Puglia

Al contatto con l'atmosfera il razzo esploderà e gran parte del materiale che lo compone probabilmente si disintegrerà tuttavia è possibile che dei piccoli frammenti riescano a raggiungere ugualmente la superficie terrestre in questo weekend.

Nel peggiore dei casi, ha detto l'astrofisico Jonathan McDowell dell'Harvard & Smithsonian Center for Astrophysics, sarebbe "come un piccolo incidente aereo con frammenti e detriti da provocare ingenti danni, ma è probabile finisca in un luogo disabitato o negli oceani che coprono il 70% del pianeta". Le indicazioni arrivate dal Comitato Operativo della Protezione Civile convocato dal capo Dipartimento, Fabrizio Curcio, infatti indicano come potenziali approdi del razzo Abruzzo, Umbria, Lazio, Molise, Campania, Basilicata, Puglia, Calabria, Sicilia e Sardegna. La Cina afferma che i danni del razzo che ricade sulla Terra sono "estremamente bassi", dopo che gli Stati Uniti hanno avvertito che potrebbe schiantarsi su un'area abitata.

Ad ogni modo il tavolo tecnico - composto da Asi, (Agenzia Spaziale Italiana), da un membro dell'ufficio del Consigliere militare della Presidenza del Consiglio, rappresentati del Ministero dell'Interno - Dipartimento dei Vigili del Fuoco, della Difesa - Coi, dell'Aeronautica Militare - Isoc e degli Esteri, Enac, Enav, Ispra e la Commissione Speciale di Protezione civile della Conferenza delle Regioni - continuerà, insieme ai rappresentanti delle Regioni potenzialmente coinvolte, a seguire nelle prossime ore il rientro di 'Lunga marcia 5B', fornendo analisi e aggiornamenti sull'evoluzione delle operazioni. Il margine di incertezza si è ridotto rispetto alle 9 ore di ieri, ma è ancora troppo ampio per poter stabilire dove avverrà il rientro. Gli esperti consigliano inoltre di stare lontani dalle finestre e porte vetrate, sottolineando che i piani bassi degli edifici sono i più sicuri. "Le previsioni di rientro - si legge nel comunicato - saranno soggette a continui aggiornamenti perché legate al comportamento del vettore spaziale stesso e agli effetti che la densità atmosferica imprime agli oggetti in caduta, nonché a quelli legati all'attività solare".

E' ormai visibile a occhio nudo ed è stato fotografato nel cielo di Roma il secondo stadio del razzo cinese Lunga Marcia 5B.

A catturarne le immagini, all'alba di sabato 8 maggio, è stato l'astrofisico Gianluca Masi, responsabile del Virtual Telescope.