Esplosione in laboratorio a Gubbio, bilancio tragico: 2 vittime e 3 feriti

Esplosione in laboratorio a Gubbio, bilancio tragico: 2 vittime e 3 feriti

Tre persone sono state estratte vive dai vigili del fuoco, mentre un'altra risulta dispersa.

Due morti, tre feriti e un disperso è il bilancio di un'esplosione, che ha distrutto un fabbricato di Gubbio, dove c'era un laboratorio di cannabis light. La seconda vittima, recuperata nella serata di venerdì, è una donna di 52 anni, Elisabetta D'Innocenti: le minime speranze di ritrovarla in vita sono andate affievolendosi con il passare delle ore fino al drammatico ritrovamento. L'esplosione del laboratorio avrebbe provocato il conseguente crollo del solaio nell'abitazione soprastante. Tre le persone estratte vive dalle macerie. Intanto è stato trasferito in eliambulanza, all'ospedale di Cesena, l'uomo rimasto gravemente ferito, inizialmente trasportato al Santa Maria della Misericordia di Perugia. Sempre in base alle prime indicazioni, l'esplosione sarebbe stata provocata da gas gpl. Uno dei feriti sarebbe in gravi condizioni. Sul posto stanno lavorando le squadre dei vigili del fuoco di Gubbio, Gaifana e della centrale di Perugia con mezzi di supporto, autobotti, un'autoscala e personale Gos movimento terra. In arrivo da Arezzo un nucleo Usar (Urban search and rescue). L'incendio e il fumo che ha provocato si vede distintamente dal centro della città di Gubbio. Sono presenti anche il funzionario di turno, il capo turno provinciale e il comandante provinciale dei vigili del fuoco.