I ristoratori bloccano ancora l'autostrada A1. Manifestante investito

I ristoratori bloccano ancora l'autostrada A1. Manifestante investito

Nel corso della protesta un'auto ha investito, ferendolo a una spalla, uno dei manifestanti sull'A1 e ha urtato anche un altro dei partecipanti alla protesta promossa da Tni Italia: quest'ultimo avrebbe riportato solo una contusione alla mano. Il grave fatto è avvenuto dopo le 10.

Nuova protesta dei ristoratori contro le riaperture dei locali solo all'aperto.

Va avanti la manifestazione di un gruppo di ristoratori del movimento TNI, Tutela Nazionale Imprese, che ha bloccato l'A1 nel tratto valdarnese, con una manifestazione non autorizzata che si è insediata nei pressi dell'autogrill vicino al casello di Incisa Reggello. Attualmente, all'interno dei tratti chiusi, il traffico è bloccato e si registrano 2 km di coda in direzione Firenze e 6 km verso Roma. Bloccata quindi in giornata l'autostrada A1, fra Incisa e Valdarno.

Sul luogo sono intervenute le pattuglie della Polizia Stradale ed il personale della Direzione 4° Tronco di Firenze di Autostrade per l'Italia. "Antonio sta bene, tranquilli" è stato scritto anche sul profilo Fb di Pasquale Naccari, presidente di Tni. "I ristoratori sono stati discriminati, perché quelli che hanno lo spazio all'aperto possono riaprire, mentre quelli che non hanno spazi all'aperto non possono riaprire, questo non è affatto giusto".

"Ci sono imprenditori - ha spiegato il presidente di Tni, Pasquale Naccari -, gente stanca di subire, che vorrebbe riaprire e tornare a lavorare, rispettando i protocolli di autogrill e mense. Vogliono lavorare e non all'esterno, costretti a subire il freddo". In autostrada i manifestanti hanno improvvisato un pranzo in autostrada.