Fedriga, su scuola accordi già presi. Fiducia Stato-Regioni incrinata

Fedriga, su scuola accordi già presi. Fiducia Stato-Regioni incrinata

Ira delle Regioni all'indomani dell'approvazione del decreto sulle riaperture: scuola e coprifuoco i due nodi principali. "Il consiglio dei ministri ha cambiato l'accordo sulla scuola: precedente grave" (Di giovedì 22 aprile 2021) "L'aver cambiato in consiglio dei ministri un accordo siglato dalla Conferenza delle Regioni con i Comuni tramite Anci e con le provincie tramite Upi" sulla presenza di studenti a scuola è "un precedente molto grave" che ha "incrinato la reale collaborazione tra Stato e Regioni". Il governatore del Friuli Venezia Giulia e presidente delle Regioni Massimiliano Fedriga ha oggi dichiarato che la proposta di ampliarlo di un'ora, fino alle 23, è "una misura assolutamente responsabile" per "permettere alle attività di avere un minimo di respiro". Il Coprifuoco, almeno secondo la bozza del decreto che circola (LEGGI QUI), dovrebbe continuare a scattare alle 22, un fatto che sta generando le perplessità di diversi schieramenti politici e associazioni di categoria. Un'ora in più non penso che rappresenti un problema per il rischio pandemico. Nel dettaglio dei dati odierni sul Covid-19 in Fvg, nel settore delle residenze per anziani non sono stati rilevati casi di positività tra le persone ospitate nelle strutture regionali, mentre risulta un contagio tra il personale che vi lavora. S sono strumenti che possono aiutare a incentivare il turismo, anche quello estero, non possiamo che valutarli positivamente.

"Spero vi sia una revisione del decreto". Quest'oggi il presidente della Conferenza Stato-Regioni Massimiliano Fedriga (Lega), accusa l'esecutivo di non aver rispettato i patti.

Zaia: "Non ci siamo". Preciso che, come tutte le altre, era stata presa all'unanimità in Conferenza delle Regioni. Cosa, del resto, che già ieri la Gelmini assicurava. Lo afferma in un post sulla sua pagina Facebook il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti "In queste ore - prosegue - sto ascoltando con attenzione e preoccupazione gli sfoghi di migliaia di lavoratori che hanno tutta la mia comprensione e vicinanza".