Derek Chauvin è colpevole d'omicidio

Derek Chauvin è colpevole d'omicidio

È questo il verdetto raggiunto da una giuria americana per Derek Chauvin, l'ex agente della polizia di Minneapolis ritenuto responsabile per la morte di George Floyd, il 46enne afroamericano il cui decesso durante un fermo nel maggio del 2020 ha dato il via a un'ondata di proteste antirazziste in mezzo mondo.

La giuria, composta da cinque uomini e sette donne, ha dato il proprio responso dopo dieci ore di consultazioni blindate distribuite su due giorni e al termine di tre settimane di processo.

Chauvin ha lasciato l'aula in manette e resterà sotto custodia cautelare in attesa che venga determinata l'entità della pena.

Screen da Twitter
Derek Chauvin è colpevole d'omicidio

"Una svolta storica": così l'avvocato della famiglia Floyd ha commentato. L'ex poliziotto potrebbe ora rimanere per 40 anni in prigione se il tribunale prenderà in conto le "circostanze aggravanti". Il verdetto è stato accolto da applausi e grida di gioia che da Minneapolis sono risuonate a New York, Chicago, Philadelphia, Dallas e in tutte le città dove, temendo un risultato diverso, i negozi erano stati barricati e gli elicotteri giravano per monitorare una situazione che era un'esplosione annunciata. "Oggi è stato compiuto un passo da giganti nella marcia verso la giustizia in America", ha aggiunto Biden, che ha definito la morte di George Floyd come "un omicidio alla luce del giorno". "Il processo si è chiuso ma il nostro lavoro è solo all'inizio", ha affermato dal canto suo il governatore del Minnesota, Tim Waltz.

Dopo aver assistito al verdetto dai suoi uffici della Casa Bianca, il presidente americano Joe Biden ha telefonato ai familiari della vittima.