Governo Draghi: ecco il primo decreto legge Covid. Stop agli spostamenti

Governo Draghi: ecco il primo decreto legge Covid. Stop agli spostamenti

"Il virus con le varianti è cambiato, zone arancioni e rosse nazionali non hanno senso, si deve intervenire puntualmente a livello comunale o provinciale, senza penalizzare 60 milioni di italiani".

SportConsentita in zona rossa l'attività motoria e sportiva individuali e all'aperto.

Fino al 27 marzo 2021, nelle zone rosse, non sono consentiti gli spostamenti verso abitazioni private abitate diverse dalla propria, salvo che siano dovuti a motivi di lavoro, necessità o salute. La strategia complessiva del nuovo esecutivo sarà poi definita con il Decreto del presidente del Consiglio (Dpcm), che seguirà quello in scadenza il 5 marzo.

Per superare i confini regionali bisogna avere il modulo di autocertificazione e la documentazione necessaria a dimostrare che lo spostamento rientra nelle eccezioni consentite.

Il presidente della regione Lazio, Nicola Zingaretti, sollecita che le case farmaceutiche permettano la produzione in tutti i siti industriali che possono farlo: "se vogliamo raggiungere presto l'obiettivo della liberazione dalla pandemia dovremo spingere affinche' le case farmaceutiche, anche quelle col brevetto e riconoscendo un'indennita', permettano la produzione del vaccino in tutti i siti industriali che possono farlo, anche nel Lazio". Gli esperti hanno aggiornato al governo sulla situazione epidemiologica in Italia senza però parlare di eventuali riaperture da inserire nel prossimo dpcm.

Per riaprire le palestre e le piscine ci vogliono numeri da "fascia bianca", ergo, solo 50 nuovi contagiati su 100 mila abitanti. In quei casi ci si può spostare verso abitazioni private per trovare amici o parenti tra le 5 e le 22. È questa la nuova norma introdotta nel decreto. Lo stesso presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini, in una intervista ha sottolineato come le persone siano "esauste, il continuo entrare e uscire da zone colorate, senza che si riesca a piegare la curva in maniera strutturale, non aiuta".

Nelle zone rosse non sarà consentito, a partire dal 25 febbraio, nemmeno andare a fare visita a parenti o amici all'interno del proprio Comune. Resterà l'obbligo di indossare la mascherina e il distanziamento.