Decollato il primo volo commerciale Tel Aviv-Abu Dhabi

Decollato il primo volo commerciale Tel Aviv-Abu Dhabi

La delegazione israeliana partita ieri per gli Emirati arabi uniti per avviare la normalizzazione delle relazioni diplomatiche è rientrata oggi a Tel Aviv con un volo diretto da Abu Dhabi della compagnia El Al. Non si sa ancora se la rotta dell'aereo passerà nello spazio aereo dell'Arabia Saudita con cui Israele non ha rapporti diplomatici, abbreviando di molto le ore di volo. "Per la prima volta, un aereo registrato in Israele sorvolerà l'Arabia Saudita e, dopo un volo non-stop da Israele, atterrerà negli Emirati Arabi Uniti", ha detto il capitano Tal Becker.

Della delegazione americana fanno parte, tra gli altri, il genero e consigliere di Donald Trump, Jared Kushner, e il consigliere per la sicurezza nazionale, Robert O'Brien.

Le parti hanno discusso anche dell'apertura di ambasciate nei propri paesi per suggellare il terzo accordo di pace di Israele con un altro paese arabo.

Il sistema è stato installato nei giorni scorsi sull'aereo El Al in volo per Abu Dhabi.

Inoltre, il Vicepresidente della Repubblica di Colombia, Marta-Lucia Ramirez, ha ricevuto l'ambasciatore degli Emirati Arabi Uniti in Colombia presso il palazzo presidenziale, esperimento il suo apprezzamento per il supporto fornito al suo paese per combattere la diffusione del COVID-19, indicando la volontà della Colombia di rafforzare relazioni bilaterali tra i due Paesi amici a seguito della loro notevole crescita a tutti i livelli.

Già ai tempi del lockdown i due leader avevano avuto modi di interfacciarsi: gli Eau infatti avevano fornito assistenza medica alla Grecia contro il Covid, mentre nelle ultime settimane da Abu Dhabi sono giunti nell'Egeo i caccia F-16 per dare manforte all'Aeronautica greca contro le provocazioni turche.

Quello di ieri era stato il primo volo commerciale diretto fra Tel Aviv e gli Emirati. L'accordo sembrerebbe ormai vicinissimo, molto probabilmente prima del 15 settembre.

In concomitanza con la partenza del volo, è stata riportata ad Abu Dhabi un'esplosione in un fast food della catena americana Kentucky Fried Chicken non lontano dal centro, che ha causato la morte di un uomo di origine asiatica e diversi feriti. Riprendendo un antico proverbio arabo Yitzhak Rabin disse: "Se vivi su un'isola, fai amicizia col mare", e se Israele è un'isola ebraica in mezzo al mare dell'Islam, pur riservandosi sempre il diritto all'autodifesa, a prescindere da chi fosse stato al governo in un dato momento storico, non ha mai fermato la sua ricerca della pace con i vicini. Al di là degli interessi in gioco, il volo di oggi apre grandi speranze per tutto il Medio Oriente e non solo. Le ripercussioni geopolitiche investono anche la Turchia, la Russia, la Libia e l'Unione europea.