Non ci sarà vaccino per tutti, urge piano

Non ci sarà vaccino per tutti, urge piano

La nota virologa Ilaria Capua entra nel dibattito sulla diffusione del vaccino e lo fa facendo scattare un pericoloso campanello d'allarme. Questa sperimentazione si affianca a quella già annunciata dell'altro vaccino italiano, sviluppato da ReiThera e che sarà testato allo Spallanzani di Roma a partire da fine agosto.

Quella che arriva dalla pagina Twitter di Ilaria Capua è una doccia fredda che in qualche modo spinge a cambiare il paradigma della discussione in corso.

La responsabile dell'One Health Center of Excellence della University of Florida ha infatti scritto un tweet in cui ha fatto notare che "mentre si dibatte se rendere obbligatoria la vaccinazione, teniamo in mente che non ce ne sarà abbastanza per tutti".

"Urge, quindi un piano per la sua somministrazione per offrire una protezione strategica per il Paese e mirata a chi ne ha bisogno", ha concluso. "Cioè quanto dura l'immunità che viene stimolata da questo vaccino".

Si scalda il dibattito sui vaccini.

"Dovremo vedere come funziona, se sarà efficace contro l'infezione o solo nel limitare i danni della malattia. Ecco, io abolirei l'obbligo di tifare", ha commentato Lopalco, elencando alcuni degli aspetti e delle decisioni che dovranno essere affrontati nel caso in cui arriverà un "antidoto" contro il coronavirus disponibile per una vaccinazione di massa.