Milan-Juventus 4-2: i bianconeri scappano, poi il Diavolo la ribalta

Milan-Juventus 4-2: i bianconeri scappano, poi il Diavolo la ribalta

Forse meglio ora se proprio se ne doveva perdere qualcuna in questo ciclo terribile post-Covid, la sconfitta della Lazio rende meno amara questa sconfitta, ma di certo non è comunque accettabile vedere quanto "ammirato" stasera: fragilità mentale o fragilità fisica, forse entrambe, fattori preoccupanti nonostante i sette punti di vantaggio sulla Lazio, fattori preoccupanti se si getta lo sguardo un attimo più verso l'orizzonte, lì dove si comincia ad affacciare il Lione.

Primo tempo tutto sommato tranquillo tra Milan e Juventus, conclusosi sul punteggio di 0-0: un solo episodio da segnalare, avvenuto proprio negli istanti finali della prima frazione.

Milan-Juventus 4-2: i bianconeri scappano, poi il Diavolo la ribalta
Milan-Juventus 4-2: i bianconeri scappano, poi il Diavolo la ribalta

84 PRECEDENTI A MILANO Sono 84 le sfide in casa del Milan, con la Juventus in trasferta: il bilancio si compone di 28 vittorie interne, 33 pareggi e 23 successi esterni. Gara virtualmente chiusa? Macché.Il Milan la ribalta in 5′, poi segna anche Rebic Al minuto 59 cambia tutto quando Guida ammonisce Rebic per un fallo di mano. E' calcio di rigore: lo batte Ibrahimovic che spiazza Szczesny.

MILAN (4-2-3-1): Donnarumma 6,5; Conti 6, Kjaer 6, Romagnoli 5,5, Hernandez 6; Kessié 6,5, Bennacer 6,5; Saelemaekers 6 (60′ Leao 6,5), Rebic 7, Paquetà 5 (46′ Calhanoglu 6); Ibrahimovic 6,5 (68′ Bonaventura 6,5).