Giro d’Italia riparte dalla Sicilia

Giro d’Italia riparte dalla Sicilia

La grande partenza del Giro d'Italia, la prima tappa in assoluto del tour ciclistico più atteso dagli appassionati prenderà le mosse da Monreale, il prossimo 3 ottobre. La prima maglia rosa arriverà nel salotto di Palermo dopo una cronometro individuale di 16 km. Sarà la nona Grande Partenza della Corsa Rosa dalla Regione Siciliana (1930, 1949, 1954, 1976, 1986, 1989, 1999 e 2008).

Domenica 4 ottobre, la seconda, inedita tappa Alcamo-Agrigento (150 km), che attraverserà il Trapanese e il Belice, con arrivo in lieve salita con vista sulla Valle dei Templi. La 3ª frazione, Enna-Etna (Piano Provenzana 1.775 metri) di 150 km, sarà il primo arrivo in quota del Giro, lunedì 5 ottobre. Martedì 6 ottobre ultima tappa sull'Isola, con la 4ª frazione da Catania a Villafranca Tirrena (138 km).

"L'abbiamo voluta tanto questa partenza, grazie al rapporto di collaborazione con Rcs Sport e all'accordo quadriennale fatto nel 2019 - ha dichiarato il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci -". La corsa rosa si concluderà a Milano domenica 25 ottobre. "Un'occasione buona per fare sport e fare turismo e per far conoscere in Italia e nel mondo la parte migliore della nostra terra".

Un Giro d'Italia molto particolare, in un periodo anomalo e con continue modifiche e rinvii, a causa dell'emergenza coronavirus, ma per fortuna si è trovata un'intesa e tutto è pronto per partire tra poco più di due mesi. "Dal Giro un grande segnale di rinascita", ha affermato il governatore siciliano.

Ciclismo | Giro d'Italia 2020: si parte dalla Sicilia. Un ponte rosa pieno di speranza, tra il passato di un territorio che ha visto i natali del campione olimpico e pluricampione mondiale Guido Messina (scomparso recentemente il 10 gennaio u.s.), e ha visto crescere il tre volte campione d'Italia Giovanni Visconti. "E' una grandissima opportunita' e ne siamo felicissimi".

Superfluo sottolineare la gioia e la soddisfazione del sindaco Alberto Arcidiacono e del presidente del Consiglio Marco Intravaia: "Un momento storico e irripetibile per la nostra città- è stato il loro commento a caldo - Un evento unico che trasformerà Monreale in palcoscenico nazionale ed internazionale". Grande attesa per il campione locale Vincenzo Nibali.