Superbowl, a trionfare sono (per la prima volta) i Philadelphia Eagles

Superbowl, a trionfare sono (per la prima volta) i Philadelphia Eagles

Per gli Usa la domenica del Super Bowl [VIDEO]è davvero indimenticabile e riesce a fermare il Paese: così il 4 febbraio lo scontro ha visto di fronte i New England Patriots e gli #Eagles che hanno vinto per la prima volta nella loro storia. "Siamo i campioni NFL". Il presidente Donald Trump, che è tifoso dei Patriots, ha inviato un messaggio di congratulazioni agli Eagles, salutando la "grande vittoria al Super Bowl". Trascinati dalle prodezze del quarterback Nick Foles - eroe "per caso" promosso titolare a stagione in corso dopo l'infortunio di Carson Wentz -, Philadelphia ha sconfitto i Patriots di Tom Brady 41-33. A quel punto sulle spalle degli Eagles, underdog alla terza presenza al Super Bowl (nei primi due erano finiti ko), la pressione è diventata enorme e in tanti hanno temuto che Foles ne venisse sopraffatto.

L'altro grande momento del Super Bowl, come ogni anno, è stato il concerto dell'intervallo, a metà partita. Meritatissimo il titolo di MVP per Foles (373 yards completate e tre TD pass), da riserva a miglior giocatore del Super Bowl.

I Patriots sono la prima squadra nella storia della FNL (National Football League) a lanciare per 600 yarde e a perdere.

"Bravi loro". E a una domanda sul suo eventuale ritiro, ha risposto: "Non vedo perché non dovrei tornare". La partita è finita lì con un ultimo field goal di Philadelphia che ha fissato il punteggio sul 41-33.