Napoli: figlio affetto da psicosi tenuto incatenato al letto, arrestati i genitori

Napoli: figlio affetto da psicosi tenuto incatenato al letto, arrestati i genitori

Due lucchetti lo ancoravano da un lato al letto e dall'altro a un grosso armadio. Inoltre, aveva una catena ad una caviglia. È successo a Saviano, nel napoletano, dove i genitori sessantenni e la sorella trentacinquenne dell'uomo sono stati arrestati con l'accusa di sequestro di persona aggravato e maltrattamenti in famiglia. I carabinieri hanno precisato che il trentaseienne viveva in "una condizione di assoluto degrado e di estreme condizioni igieniche". I militari della Compagnia di Nola hanno trovato nella casa teatro di questa vicenda il 36enne legato al letto e all'armadio, quindi hanno richiesto l'intervento del personale del 118 che ha prestato le prime cure al 36enne.

Il padre, la madre e la sorella, che tenevano il proprio congiunto affetto da psicosi chiuso in casa, sono stati condotti in carcere. Immediatamente dopo l'uomo è stato portato all'ospedale per ulteriori accertamenti.

Volevano evitare che uscisse di casa e per questo lo tenevano legato al letto. Non si sa da quanto tempo fosse incatenato con lucchetti e catene.