Hyundai sperimenta la guida autonoma livello 4

Hyundai sperimenta la guida autonoma livello 4

Tra le vetture Fuel Cell che hanno per la prima volta raggiunto il livello 4 di guida autonoma, secondo lo standard SAE (Society of Automotive Engineers), figurano tre Hyundai NEXO, SUV di nuova generazione in procinto di debuttare (il prossimo mese) sul mercato coreano. A quel punto le auto sono passate immediatamente alla modalità di guida autonoma cominciando il tragitto di 190 km verso Pyeongchang.

Dopo la presentazione al CES di Las Vegas di alcune settimane fa la Hyundai Nexo ha portato a termine il primo test ufficiale di guida autonoma di livello 4 in Corea. Quindi, se apparentemente questi modelli sembrano simili ai modelli Hyundai di serie, effettivamente qui a fare la differenza sono state montate diverse telecamere e LIDAR cheelaborano un volume elevato di informazioni e dati, che tra l'altro richiedono molta potenza.Ciò rende ottimale la scelta di un veicolo Fuel Cell, piuttosto che con motore termico tradizionale.

Le future auto a guida autonoma non dovranno essere veicoli elettrici puri, e Hyundai è determinata a provarlo.

In pratica, rispetto alle auto di serie, i progettisti coreani hanno aggiunto alcuni sensori per raggiungere il massimo livello di guida autonoma oggi esistente. Il modello Fuel Cell è in grado di produrre elettricità attraverso una reazione tra idrogeno e ossigeno nella pila di celle a combustibile.

Il modello vanta un'efficienza di livello mondiale (60%) con una durabilità pari a quella dei veicoli a combustione interna e una capacità di carico di 839 litri. I 5 veicoli sperimentali, infatti, implementavano la tecnologia di comunicazione 5G proprio per stabilire un rapporto informatico con ciò che li circondava.

L' "Assistant Chat" è una tecnologia che permette agli utenti di porre domande a un Chat Bot attraverso semplici comandi vocali e ricevere risposte sotto forma di testi o immagini. Con i dati su battito cardiaco e umore il sistema è in grado di proporre servizi terapeutici e, alloccorrenza, anche assistenza medica tramite videochiamata.

Inoltre, il veicolo è dotato di una tecnologia "Noise Away", che riduce il rumore all'interno dell'abitacolo, e del "Mood Care", che imposta un'illuminazione d'atmosfera quando il lettore musicale o il Wellness Care sono attivi.

Le vetture a guida autonoma sono attese, specifica Hyundai, entro il 2030 e saranno dotate inoltre anche di ricezione delle informazioni in tempo reale sul traffico (in diverse lingue), riproduzione video con il sistema di intrattenimento dei sedili posteriori mentre l'applicazione di karaoke "Everysing" permetterà ai passeggeri di cantare durante il viaggio. Hyundai punta a portare la guida autonoma di quarto livello sul mercato nel 2021.