Corea del Sud, il virus che terrorizza gli atleti alle Olimpiadi invernali

Corea del Sud, il virus che terrorizza gli atleti alle Olimpiadi invernali

Se più che lo sport ad appassionarvi è il cinema, sino al 9 febbraio TIM vi offre la possibilitàdi vedere un film con un'offerta 2X1 sui biglietti. "Adesso sono pronta per le Olimpiadi", ha affermato la Bassino nel post-gara.

E se fin qui nessuna spedizione si e' meritata l'appello di 'casinara' - il massimo della trasgressione e' la renna piazzata davanti alla palazzina del Canada mentre la squadra brasiliana e' quella piu' richiesta per i selfie - dall'altro lato nessun big ha mostrato la puzza sotto il naso. Probabilità di podio anche per Michela Moioli nello snowboard cross e per la pattinatrice Carolina Kostner, che punta a diventare la seconda atleta a conquistare una medaglia olimpica nel pattinaggio artistico dopo i 30 anni.

14 invece le gare che dovranno seguire: Skiathlon maschile (30 chilometri) e femminile (15 chilometri), lo Sprint maschile e femminile, l'Individuale in tecnica libera femminile (10 km) e maschile (15 km), le Staffette 4×5 e 4×10 maschile e femminili, il Team Sprint maschile e femminile e la Mass Start maschile (50 km) e quella femminile (30 km). Da solo. L'immagine di un guerriero confinato che si prende la sua rivincita: non è arrivato a una medaglia ma tutti ricordano le flessioni al traguardo per dimostrare l'ottima salute. La prima Olimpiade accanto alla migliore pattinatrice italiana di sempre: difficile chiedere di meglio. Il governo locale sta inoltre effettuando ispezioni igieniche nei ristoranti e analizzando tutti i cibi e le bevande che vengono serviti nelle strutture olimpiche. Dodici anni fa era stato un regalo del Comitato Olimpico, questa volta la qualificazione è stata sudata e meritata, raggiunta con l'ultimo treno disponibile, grazie alla vittoria contro la Danimarca negli spareggi di dicembre. Alla cerimonia di sono anche il Presidente del Coni, Giovanni Malagò, l'Amministratore delegato di Coni Servizi, Alberto Miglietta, e una delegazione di ospiti, sponsor e rappresentanti istituzionali, tra cui l'ambasciatore italiano a Seul, Marco della Seta. Secondo gli esperti, a PyeongChang un piazzamento italiano nelle prime cinque (dieci le squadre in gara) sarebbe già un mezzo miracolo. Nello short track n argento e quattro bronzi olimpici e la Coppa del Mondo del 2012.

Un virus allo stomaco imperversa tra le guardie di sicurezza (41 addetti sono stati colpiti da gastroenterite e conati di vomito) dei Giochi olimpici invernali di Pyeongchang, così gli organizzatori hanno deciso di chiamare l'esercito che invierà 900 soldati. Con la scusa e l'opportunità dello sport sarà magari possibile riprendere un dialogo che si è interrotto da ben due anni con picchi di tensione altissima.