È morto Mark Salling: addio all'attore di Glee

È morto Mark Salling: addio all'attore di Glee

Da sottolineare che Salling aveva già tentato di togliersi la vita la scorsa estate, dopo essersi tagliato entrambi i polsi e che secondo le indiscrezioni (non confermate) sarebbe stato ritrovato impiccato ad un albero, dopo che i parenti, allarmati, si erano rivolti alla polizia perché l'attore non rispondeva alle chiamate.

A rilasciarla l'avvocato dell'attore, nei mesi scorsi finito al centro di uno scandalo per possesso di materiale pedo-pornografico.

Cantante prima e attore poi, la carriera di Salling è rimasta infangata dalle accuse di violenza e di pedopornografia. L'attore, all'epoca, presentò una contro accusa per diffamazione e il caso si concluse nel marzo 2015 con un accordo fra le due parti.

Mark Salling, l'attore che ha interpretato per 6 stagioni il personaggio di Puck nella serie di Glee creata da Ryan Murphy, è stato trovato morto nella sua abitazione. Nel computer di Mark erano state ritrovate più di 50.000 immagini di bambini. La star aveva 35 anni. Il 27 maggio 2016 era stato nuovamente accusato e si era dichiarato colpevole. Oltre al ruolo di Noah Puckerman per lui una parte in Walker Texas Ranger e nel film The Graveyard del 2006.