Istat: scende a 10,8% tasso disoccupati

Istat: scende a 10,8% tasso disoccupati

Secondo il Federal Labour Office, il tasso di disoccupazione destagionalizzato di gennaio scende al 5,4% meglio delle stime di consensus che erano per un +5,5%.

Occupati dicembre -66mila al mese, +173mila all'anno - A dicembre 2017, dopo la crescita del mese precedente, la stima degli occupati diminuisce dello 0,3%, pari a -66 mila unita' rispetto a novembre, tornando al livello di ottobre. Si tratta del livello più basso da agosto 2012. Risultano in diminuzione i dipendenti, sia permanenti sia a tempo determinato, mentre rimangono stabili gli indipendenti.

Dicembre, spiega l'istituto di ricerca, è il quinto mese consecutivo in cui il numero delle persone in cerca di occupazione diminuisce (-1,7 per cento, -47 mila): il calo interessa donne e uomini e si distribuisce tra tutte le classi di età, fatta eccezione per i 25-34enni.

Dopo la diminuzione del mese scorso, a dicembre la stima degli inattivi tra i 15 e i 64 anni cresce dello 0,8% (+112 mila). L'aumento interessa entrambe le componenti di genere e tutte le classi di età.

Nel trimestre ottobre-dicembre, rispetto ai tre mesi precedenti, alla crescita degli occupati si accompagna il calo dei disoccupati (-2,5%, -72 mila) e l'aumento degli inattivi (+0,4%, +48 mila). Nello stesso periodo diminuiscono i disoccupati (-8,9%, -273 mila) e crescono gli inattivi (+0,3%, +34 mila). Il tasso di inattività sale così al 34,8% (+0,3 punti percentuali rispetto a novembre).

Su base annua, comunque, gli occupati (sia uomini che donne) sono aumentati dello 0,8%. Attenzione però, perché ad aumentare sono stati ancora una volta i contratti a termine (+303.000) mentre quelli permanenti sono scesi (-25.000).