Pd Sicilia, Crocetta all'attacco "Mi hanno voluto uccidere e si sono suicidati"

Pd Sicilia, Crocetta all'attacco

Sarei stato il candidato presidente più forte e si sapeva. "Chi ha orchestrato questa operazione per estromettermi, ha voluto uccidermi scientificamente, ma si sono suicidati, hanno ucciso il centrosinistra". Non ancora quella dei candidati - il portabandiera del centrosinistra Fabrizio Micari, ad esempio, parlerà "non prima delle 10, quando il risultato sarà un po' consolidato" - ma almeno quelle dei big che li hanno sostenuti. Renzi è stato raggirato dai suoi e dallo stesso Orlando che gli aveva promesso una lista dell'8,5% e che non è stato in grado di formare, una forte lista Alfano-D'Alia-Cardinale e il 15% del Pd: avrebbero dovuto prendere circa il 40%, facendo a meno del Megafono.

"Dunque sommando il risultato di Crocetta e della Marano il centrosinistra allora era quindi al 37% oggi, che è diviso, è al 31 - ha detto - L'altra volta si è diviso il centro destra e ha vinto Crocetta questa volta si è diviso il centro sinistra e ha vinto Musumeci". E' stata una follia e Renzi ha subito i suggeritori siciliani. Così, secondo il primo cittadino palermitano, "si consegna la Sicilia al Movimento 5 Stelle, che non ha dimostrato capacità ma ha interpretato il cambiamento, o a una coalizione nella quale si aggregano clientelismo e razzismo". Una nuova stagione di tensioni tra lui e il Pd? "Ha le idee molto chiare su cosa è successo in Sicilia e sa che la responsabilità della sconfitta non è mia".