Bonucci espulso, Montella a sorpresa: la fascia di capitano (ancora) all'ultimo arrivato!

Bonucci espulso, Montella a sorpresa: la fascia di capitano (ancora) all'ultimo arrivato!

Tralasciando il discorso più logico - nonché vero -, vale a dire la necessità di tempo per poter costruire una squadra che giochi coralmente, il Milan di Montella ha un evidente problema di carattere, laddove anche Bonucci - un leone alla Juventus - pare un pulcino sperduto. A causa dell'espulsione di Bonucci al 25', i rossoneri sono costretti a riordinarsi, non pungendo particolarmente sotto l'aspetto offensivo.

La squadra di Juric non vuole rischiare troppo, per non sbilanciarsi troppo, ma al 75′ una magia di Suso, che stoppa un pallone impossibile e serve Kalinic, fa venire i sudori freddi ai tifosi rossoblù: Rossettini buca l'intervento, l'attaccante croato anche, Perin ci arriva. Recupera numerosi palloni e si fa rispettare in campo, ci prova anche di testa su calcio d'angolo.

"NICCHI SI ARRABBIA SEMPRE" - L'allenatore rossonero torna sul "rosso" a Bonucci, in particolare su Nicchi che non ha gradito le osservazioni dell'Aeroplanino sul Var: "Lasciamo stare Nicchi, si arrabbia sempre, qualsiasi cosa vede". Tutte le squadre che hanno più competizioni ruotano gli uomini, è impossibile avere sempre gli stessi. "Sono convinto che siamo ad un passo dalla svolta".

SEPARAZIONE UFFICIALIZZATA - Oggi Milan e Adidas, con due comunicati ufficiali, hanno confermato la risoluzione del contratto di sponsorizzazione che durava da 20 anni.

"Non mi sento di passaggio, le difficoltà sono normali nei cambiamenti radicali".

DIRETTA Milan Genoa dallo stadio Meazza - Manca poco! Dopo la sconfitta con la Samp, poi quella con la Roma e in ultimo quella nel Derby, i rossoneri senza più certezze affrontano il Genoa, che per tradizione e rivalità potrebbe tranquillamente essere il nostro matador definitivo. Al 56' grande occasione per Bertolacci, il cui destro sfiora il palo della porta protetta da Donnarumma. Durante la mischia, Kalinic cade e chiede un rigore, non convincendo però Giacomelli.

E l'incapacità di condurla laddove merita non pregiudica solo la sua carriera da allenatore, ma anche la storia gloriosa del club, che ha purtroppo creduto nel suo lavoro, incurante del disastro sportivo che sarebbe potuto succedere.

Intervenuto a 'Tutti Convocati' su Radio 24, Ferrarini ha parlato della sua esperienza professionale "nei confronti di questo ragazzo che conosco da quando era in tribuna a Treviso, parliamo del 2008".

Zapata 6,5-Muro: Si guadagna la meritata sufficienza per il recupero su Lapadula lanciato verso la porta avversaria.

Il Milan non farà ricorso contro la squalifica di due giornate a Leonardo Bonucci. Suso prova a vincerla da solo, ma il cronometro inizia ad essere avaro e, dopo soli tre minuti di recupero, l'arbitro manda tutti a casa. Per gli ospiti in evidenza Taarabt.