Russiagate, Guardian: "Farage persona di interesse per l'Fbi"

Russiagate, Guardian:

Roma, 1 giu. (askanews) - Nigel Farage, l'ex leader dell'Ukip britannico, è "persona di interesse" nell'indagine dell'intelligence Usa nell'ambito del Russiagate.

È quanto sostiene il Guardian in un'esclusiva, citando fonti a conoscenza dell'indagine, secondo cui Farage è "persona di interesse" per i suoi rapporti con soggetti legati sia alla campagna di Trump, sia al fondatore di Wikileaks Julian Assange, al quale Farage ha fatto visita a marzo.

L'anno scorso Wikileaks pubblicò una serie di e-mail hackerate che danneggiarono la campagna di Hillary Clinton ed è sospettato di avere collaborato con la Russia tramite terze parti, stando a una recente testimonianza in Congresso dell'ex direttore della Cia John Brennan.

Sotto la lente d'ingrandimento dell'Fbi, Farage potrebbe disporre di informazioni strategiche circa i fatti oggetto di indagine.

"Non ho mai avuto rapporti d'affari con la Russia", ha dichiarato invece al Daily Mail. "Se fai una triangolazione Russia-Wikileaks, Assange e assistenti Trump la persona che esce fuori con più frequenza è Nigel Farage".

Al momento Farage non è accusato di aver compiuto reati o atti ostili, ma è stato preso in considerazione come una persona che può essere a conoscenza di elementi relativi ai possibili contatti tra il governo russo e lo staff di Trump tenuti durante la campagna elettorale. "È proprio al centro di quelle relazioni, riemerge in continuazione".