Formula 1, GP Azerbaigian: Verstappen si conferma anche nella FP2

Formula 1, GP Azerbaigian: Verstappen si conferma anche nella FP2

"Nel pomeriggio in generale posso definirmi contento, siamo molto vicini a Ferrari e Mercedes". E' sempre il figlio d'arte a mettersi davanti a tutti con il tempo di 1:43.362, un cronometro che gli basta per lasciarsi alle spalle Valtteri Bottas con la Mercedes e il compagno di squadra Daniel Ricciardo.

Verstappen inoltre, sul tracciato cittadino di Baku, si è reso protagonista di un incidente negli istanti conclusivi della sessione pomeridiana, andando ad impattare contro le barriere poste all'esterno di curva 1. La Ferrari ha invece ottenuto il terzo tempo con Sebastian Vettel in 1:44:967 e il nono con Kimi Raikkonen 1:46:000. Completano la top-10: Lance Stroll, Sergio Perez, Daniil Kvyat, Esteban Ocon e, appunto, Lewis Hamilton.

Undicesima posizione per Felipe Massa, della Williams, che ha preceduto lo spagnolo della McLaren, Fernando Alonso, fermato anzitempo - ormai è un'abitudine - dal suo motore Honda, e Carlos Sainz, della Toro Rosso; segue il danese della Haas Racing, Kevin Magnussen.

Una volta sceso dalla malconcia Red Bull, Verstappen ha cercato di minimizzare lo sbaglio commesso, concentrandosi sulle ottime performance mostrate dalla sua RB13 non appena ha iniziato ad affrontare l'asfalto di Baku.

Passando all'aspetto più prettamente sportivo, Max Verstappen si è confermato in vetta alla classifica dei tempi, bissando così la migliore prestazione già ottenuta nel corso della mattinata.

"La giornata è stata positiva se escludiamo l'ultimo giro. Tutto ha funzionato benissimo, anche se nella seconda prova non ho sfruttato al massimo il giro per la presenza di bandiere gialle".

Aspettiamo dunque domani per fare qualche analisi in più sulla Red Bull che, se dovesse confermare quanto di buono visto oggi, sarebbe un incognita in più in questo meraviglioso mondiale.