F1, GP Azerbaijan: Hamilton in pole, Ferrari in seconda fila

F1, GP Azerbaijan: Hamilton in pole, Ferrari in seconda fila

Le difficoltà del mattino si sono fatte sentire anche al pomeriggio, con il tedesco che non è mai stato brillante e che ha dovuto faticare non poco per ottenere almeno la seconda fila, obiettivo minimo ma neppure troppo lontano dal massimo raggiungibile oggi, considerando lo stato di forma delle Mercedes e di Lewis Hamilton in particolare.

"Non sono contento del quinto tempo - ha dichiarato Verstappen - Dopo il problema nelle FP3, ho avuto problemi al motore in Q2 e poi in Q3, nel mio giro conclusivo, stavo andando tre decimi più veloce del giro precedente ma poi ho perso tanto tempo sul rettilineo per un problema di sincronizzazione con le marce del cambio". I meccanici del Cavallino hanno preferito indagare a fondo sul problema evidenziato in modo da prevenire un danno irreversibile durante le sessioni che contano. Nell'ultimo tentativo ero da solo, non ho avuto scie nell'ultimo settore, ma non mi piace trovare scuse, avrei potuto fare meglio e basta. "Non ci sono garanzie rispetto al passato, anche perche' e' un circuito diverso. cittadino si', ma non e' assolutamente simile a Monaco" dice il pilota finlandese della Ferrari nel corso della conferenza stampa del giovedi' che precede la gara sul circuito ricavato lungo le strade di Baku. "Ci sono ancora diversi gran premi da fronteggiare e il mio contratto scadrà il prossimo 31 dicembre...". Subito dopo il compagno di squadra Daniel Ricciardo. Oggi ci prendiamo lo schiaffo in faccia.

"La gara di Montreal è stata abbastanza difficile. Ora sulla carta siamo ad un secondo, ma quando la fiducia c'è, non bisogna farsi prendere dal panico". "Alla fine ho trovato un buon feeling".