Baywatch, con Dwayne Johnson e Zac Efron: nuova featurette

Baywatch, con Dwayne Johnson e Zac Efron: nuova featurette

L'affascinante Summer Quinn (Alexandra Daddario), il genietto dei computer con una cotta per C.J. Ronnie (Jon Bass), ma soprattutto Matt Brody (Zac Efron, We are your friends, Nonno scatenato), ex campione olimpico di nuoto caduto in disgrazia, arrogante ed egoista. Quello che preoccupa e non poco è la pessima qualità degli effetti visivi e speciali: se il film conta comunque su un cast che non ha bisogno certamente di stunt, l'apparato visivo è alquanto limitato da una gestione dei visual effect davvero da B-movie (ma forse potrebbe essere tutto voluto).

Il personaggio di Efron invece è il classico cliché del "bravo che non si applica", nuotatore olimpionico dalla scarsa disciplina e dall'ego smisurato che cerca di mostrare quanto è figo, salvo poi cacciarsi in situazioni imbarazzanti per colpa della sua indole autodistruttiva.

Baywatch è come i suoi protagonisti: bagnini semplici e orgogliosi che vivono il loro mestiere come una missione, anzi di più ("it's way of life", dice il Mitch di The Rock), che si rifiutano di giocare al ribasso e di fare il minimo indispensabile, che credono fermamente nell'importanza del gruppo e nel rifiuto degli egoismi e degli edonismi individuali, che vogliono tutelare la loro baia - che è tutto il loro mondo - non solo salvando i bagnanti in difficoltà, ma tenendo gli occhi aperti e i muscoli pronti contro furti, traffici di droga, dissennate speculazioni edilizie. Operazione che non stupisce neanche un po' visto che Hollywood e dintorni sono anni che riciclano se stessi, attingendo a serie e pellicole del passato per riportarle in auge con nuovi attori e, spesso, un nuovo spirito. Il mix ha deluso al botteghino americano, con 23 milioni di dollari nel primo weekend, e ha avuto feroci stroncature, alle quali ha reagito su Twitter Dwayne Johnson convinto che Baywatch sarà un successo globale.

A bilanciare i due ci pensa il terzo protagonista maschile, il classico nerd grassottello, goffo, bravo con i computer ed esperto di droni che gira per la spiaggia con una maglietta di Donkey Kong e sbava dietro alle più belle, conscio di non aver nessuna speranza. Una figura che, nonostante il colpo di scena finale, risulta talmente stereotipata che mi sono quasi offeso per come il cinema continua a immaginare la categoria a cui orgogliosamente appartengo. Infine, come ciliegina sulla torta, il pubblico non potrà certo non apprezzare il cameo dei personaggi originali, Dave Hasselhof e Pamela Anderson.

Insomma che dire di questo film?

Quello che so di lei abbraccio film al cinema
Baywatch, con Dwayne Johnson e Zac Efron: nuova featurette

Andiamo diretti al punto: Baywatch è cosciente delle sue origini seriali e, la storia ci insegna, portare sul grande schermo una puntata di due ore è un'impresa dove già in tanti hanno fallito.

Così poco mare che alla fine il dubbio ti viene: ma se per Mitch e compagnia proteggere la spiaggia è tutto, come mai passano gran parte del tempo lontani, tra feste, balli e investigazioni, tanto da venire ripresi dalle autorità?

Abbondavano anche le risate all'anteprima del remake di una delle serie tv più famose degli anni 90.

Gli intenti di Baywatch si fanno chiari fin dalla comparsa coatta del titolo del film. È un film che prepara all'estate e va bene così.