Banche venete: si lima Dl. Cdm domattina

(AdnKronos) - Sara' convocato con molta probabilita' questa mattina il Cdm per approvare il decreto sul salvataggio delle banche venete.

Agenpress - Il governo è pronto a varare il decreto di liquidazione ordinata di Popolare Vicenza e Veneto Banca, lungo il piano che vedrà scendere in campo Intesa Sanpaolo, con la suddivisione delle attività delle due banche tra quelle sane, consegnate a due banche-ponte che restano in attesa della acquisizione da parte di Intesa, separandole dai crediti in sofferenza e dai bond subordinati, che verranno posti in liquidazione lungo le regole italiane. In una nota la Banca Centrale Europa spiega che la decisione di classificare le due banche venete come "failing or likely to fail" è motivata dalle carenze di capitale e dalla "ripetuta violazione dei requisiti patrimoniali di vigilanza". Il CdA ha quindi espresso grato apprezzamento e convinto sostegno al gruppo dirigente, che ha guidato la Banca Popolare di Vicenza in questo difficile frangente.

Incontro a Palazzo Chigi fra il premier, Paolo Gentiloni, e il ministro del Tesoro, Pier Carlo Padoan. Circa dieci miliardi il costo per lo stato.

Tutti i diritti di utilizzazione economica previsti dalla legge n. 633/1941 sui testi da Lei concepiti ed elaborati ed a noi inviati per la pubblicazione, vengono da Lei ceduti in via esclusiva e definitiva alla nostra società, che avrà pertanto ogni più ampio diritto di utilizzare detti testi, ivi compreso - a titolo esemplificativo - il diritto di riprodurre, pubblicare, diffondere a mezzo stampa e/o con ogni altro tipo di supporto o mezzo e comunque in ogni forma o modo, anche se attualmente non esistenti, sui propri mezzi, nonché di cedere a terzi tali diritti, senza corrispettivo in Suo favore. "L'orientamento prevalente sarebbe quello di utilizzare parte dei 20 miliardi già stanziati per le ricapitalizzazioni precauzionali".

Il CdA, riaffermando la validità del progetto messo a punto dal management, si è rammaricato che il tempo trascorso dalla sua messa a punto, e la deteriorata situazione della Banca, abbiano reso impossibile reperire i fondi privati che, a giudizio della Commissione Europea, erano necessari a coprire le perdite subìte o probabili, impedendone così l'attuazione; Tiepolo 2.0, infatti, avrebbe almeno in parte alleviato i danni subiti dalla BPVi e dai territori in cui essa opera. "Strano a dirsi, ma fuori dal Ministero non c'è la fila per quello che dovrebbe essere l'affare del secolo". "Negli ultimi tempi ho interpellato diversi rappresentanti della politica, tutti continuano a promettere il loro interesse, ma si rendono conto che non riescono a fare molto".

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google.