Ballottaggi 2017, oltre 4 milioni di italiani tornano alle urne

Ballottaggi 2017, oltre 4 milioni di italiani tornano alle urne

Anche perché apparentamenti ufficiali non ce ne sono stati, soprattutto nelle grandi città chiamate al ballottaggio, ma al di là di possibili exploit di candidati civici, il centrodestra potrebbe giovarsi non solo del confluire della maggioranza dei voti finiti al primo turno al Movimento 5 Stelle, ma anche della polemica che vede il Partito Democratico impegnato con i fuoriusciti di Articolo 1, l'MDP che potrebbe "gufare" e spostare voti per mettere in crisi la leadership renziana.

L'invito ai cittadini che avessero necessità di richiedere un duplicato, o di ritirare la tessera se non l'hanno ricevuta a domicilio, è quello di rivolgersi agli sportelli Quic già in questi giorni, per evitare il protrarsi delle attese nell'immediatezza del turno elettorale. L'elettore vota tracciando un segno sul rettangolo dove è stato scritto il nome del suo preferito. Andranno a ballottaggio tre comuni capoluogo di Regione (Catanzaro, Genova, L'Aquila) e 19 comuni capoluogo di provincia (Alessandria, Asti, Belluno, Como, Gorizia, La Spezia, Lecce, Lodi, Lucca, Monza, Oristano, Padova, Parma, Piacenza, Pistoia, Rieti, Taranto, Trapani e Verona). Potranno recarsi alle urne solo gli elettori che hanno maturato il diritto di voto entro il primo turno delle comunali.

In molte città l'ago della bilancia sarà in mano agli elettori del M5s, in altre invece conteranno le liste civiche, in altre ancora come a Verona sarà il Pd, diviso tra il sostegno alla compagna dell'ex sindaco Tosi e l'appoggio al candidato di Salvini Sboarina, a decidere il prossimo vincitore. Per esercitare il diritto di voto l'elettore deve esibire al seggio un documento di riconoscimento e la tessera elettorale. Quelli restanti saranno divisi tra le altre liste in proporzione alle preferenze ottenute.

Senza gli apparentamenti sono 5 le liste pro Barbieri e 3 quelle pro Rizzi. Può votare anche chi non lo ha fatto al primo turno. Insomma, probabile che la partita al ballottaggio si giochi sui voti. di chi non ha candidati da votare. Non è possibile optare per il voto disgiunto, cioè esprimere la preferenza per una lista e per il candidato della lista rivale.

Parliamo ovviamente di una possibilità su un milione, ma si sa, le elezioni in Italia hanno sempre regalato sorprese.