Allegri: "Ho pensato di mollare la Juventus, poi ho deciso di ripartire"

Allegri:

Sulla finale di Champions persa col Real 4-1: "A Cardiff ho pensato di lasciare per qualche ora - ammette Allegri - dovevo capire cosa c'era dentro di me".

"Invece, poi dopo velocemente ho deciso, ho parlato con la società e ci sono tutti i presupposti e la voglia per fare una grande stagione". Però non sara facile, sarà un anno molto più difficile perché dopo tre stagioni con scudetti, Coppe Italia, finali di Champions e Supercoppe non sarà facile riconfermarsi a questi livelli. Sarà una sfida dentro noi stessi: "dovremo migliorare la qualità del gioco". Ancora, sulla finale: "A Cardiff nel primo tempo abbiamo fatto bene mentre nel secondo ci hanno dominati e hanno vinto meritatamente. Sarà difficile perché ci sono cinque squadre inglesi e bisogna farsi trovare pronti". In ogni caso, Allegri resta ottimista e vede positivo: "Bisogna anche guardare il bicchiere mezzo pieno che è quello di aver vinto un altro scudetto che è il sesto, quindi è leggenda".

Sul mercato. "Costa? E' bravo."

Bernardeschi è un giocatore di grande prospettiva per la Nazionale. De Sciglio dal Milan? In difesa siamo a posto.

"Juve e Napoli credo siano un filino avanti agli altri però direi che l'Inter rientrerà a lottare per lo scudetto come il Milan che sta facendo grandissime cose. N'Zonzi non è una mia richiesta, parlo con la società e valutiamo i migliori rinforzi". Dove sono stato più vicino in caso di addio? "Buffon è intelligente, avrà un futuro importante".