A Milano una parata pride per diritti senza confini

A Milano una parata pride per diritti senza confini

Da piazza Duca d'Aosta, di fronte alla Stazione Centrale, la parata percorrerà via Vitruvio, via Settembrini, piazza Caiazzo, via Pergolesi e corso Buenos Aires, per chiudersi in piazza Oberdan. Ma oltre agli aspetti folkloristici, questo Pride 2017 si caratterizza per la forte sottolineatura di quella parte del mondo Lgbt che aspira alla "normalità" nel quotidiano e al riconoscimento dei diritti, gli stessi diritti delle famiglie e delle coppie tradizionali.

Tutti i diritti di utilizzazione economica previsti dalla legge n. 633/1941 sui testi da Lei concepiti ed elaborati ed a noi inviati per la pubblicazione, vengono da Lei ceduti in via esclusiva e definitiva alla nostra società, che avrà pertanto ogni più ampio diritto di utilizzare detti testi, ivi compreso - a titolo esemplificativo - il diritto di riprodurre, pubblicare, diffondere a mezzo stampa e/o con ogni altro tipo di supporto o mezzo e comunque in ogni forma o modo, anche se attualmente non esistenti, sui propri mezzi, nonché di cedere a terzi tali diritti, senza corrispettivo in Suo favore.

La madrina dell'evento di quest'anno è la show girl Paola Barale, mentre a interpretare l'inno della manifestazione 2017, La cura per me, la cantante Alexia. Lo slogan è l'hashtag #dirittisenzaconfine che campeggia sullo striscione in testa. La manifestazione è, come da tradizione, molto colorata e piena di musica.

In marcia anche Beppe Sala, sindaco di Milano. "Tra le cose che la giunta può fare c'è quella ad esempio di avviare delle relazioni con le aziende - ha concluso -, perché si faccia qualcosa contro le discriminazioni, perché ci sia maggiore attenzione al mondo Lgbt durante gli eventi". "E col ricordo delle battaglie, delle fatiche e anche degli scacchi subiti".

"Vi prometto che Milano sarà sempre una guida tra le città italiane e internazionali per i diritti, saremo sempre da stimolo al governo".