Roma, Spalletti: "La Champions League? Tiferò per la Juventus"

Roma, Spalletti:

Tutto dipende da noi ora ed è quello che ci auspicavamo. Grazie alla festa per il capitano ci sarà finalmente il pienone all'Olimpico per Roma-Genoa: "In quest'anno e mezzo non abbiamo mai rivisto l'atmosfera che ho vissuto nella mia prima esperienza a Roma". Anche se sarebbe meglio non sbandare, perché può anche capitare che la tensione salga e le giocate a cui siamo abituati non riescano più. Siamo concentrati al 100% sulle partite, con il mister parleremo alla fine del campionato. "Veramente i calciatori si prepareranno a fare degli allenamenti come mai hanno fatto in tutta la stagione perché questa è una settimana particolare e non c'è nessun pensiero che possa abbassare o che possa portarci a trasgredire quella che sarà la partita e quella che sarà l'attenzione". Questo dicono le voci di mercato.

Sul futuro di Totti (e non solo) si è espresso oggi Luciano Spalletti, colui che viene considerato come il 'grande nemico' del fuoriclasse romano.

Chiusura sull'addio di Francesco Totti: "Io ho sempre detto che deve dire lui ciò che farà". "Di Chiesa - ha aggiunto Spalletti -, ne parlo volentieri".

Qualche rimpianto per la classifica? La seconda classificata avrà vinto il campionato dei "normali", dietro alla Juventus marziana: una magra consolazione per i tifosi, che nella Capitale non vedono alzare un trofeo dal 2008 (la Coppa Italia, allenatore Spalletti), non per le società che si garantirebbero un bel po' di milioni con l'ingresso diretto in Champions. Una promessa tacita e una rassicurazione che è stata percepita da tutta Napoli, quando ieri al Marassi la curva ha festeggiato intonando "Un giorno all'improvviso", uno dei cori preferiti dai nostri ultras.

Totti in campo domenica?