Piacenza, furto in gioielleria: carabinieri sparano e feriscono due rapinatori

Piacenza, furto in gioielleria: carabinieri sparano e feriscono due rapinatori

Piacenza - Due rapinatori hanno assaltato una gioielleria nel centro di Piacenza. I fatti di cui deve rispondere sono avvenuti il 17 aprile quando ha avvicinato un coetaneo che stava passeggiando sulla riviera sud e gli ha chiesto il portafogli, minacciando di colpirlo con il casco. I due sono stati arrestati e portati in ospedale. Uno di ladri ha estratto una pistola, una scacciacani modificata: a questo punto un appuntato ha fatto fuoco, ferendo entrambe i malviventi, uno alla gamba e l'altro alla mano. Non sono in pericolo di vita.

Sul posto, oltre ai Carabinieri, la Polizia per compiere tutti i rilievi. La vittima ha consegnato al baby rapinatore il portamonete, contenente solo pochi euro, e il responsabile del colpo si è allontanato su uno scooter.

Si tratta di due slavi: secondo le prime informazioni, i militari - in servizio di controllo in zona- se li sarebbero trovati davanti dopo la svolta da una laterale e hanno intimato l'alt, vedendosi puntare l'arma contro.

I rapinatori erano riusciti a portare via una ventina di orologi e diversi gioielli.

Lo stesso infatti era già stato individuato quale autore di una serie di rapine, condotte con analoghe modalità, consumate sulla riviera nord nei primi mesi dell'anno 2015, sempre a danno di giovanissimi e sempre commesse al fine di impossessarsi di portafogli e telefoni cellulari.