Morto in gita, archiviata l'inchiesta. Il gip: "Fu una caduta accidentale"

Morto in gita, archiviata l'inchiesta. Il gip:

La morte del 19enne, studente del liceo Ippolito Nievo a Padova, è stata causata da una caduta accidentale. Questa la causa della morte di Domenico Maurantonio, lo studente padovano di 19 anni che il 10 maggio 2015 precipitò dal quinto piano dell'hotel dove alloggiava insieme ai suoi compagni in gita a Milano per l'Expo. Il giudice per le indagini preliminari ha però ritenuto che il giovane si trovasse solo al momento dell'incidente.

Il gip Paolo Guidi ha stabilito che si è trattato di una caduta accidentale, archiviando l'inchiesta per omicidio colposo a carico di ignoti, come richiesto dai pubblici ministeri Alberto Nobili e Giancarla Serafini. A causa di un malore sarebbe uscito dalla sua camera fino a trovarsi da solo nel corridoio dell'albergo. A quel punto, secondo magistrati, si sarebbe sporto dalla finestra cadendo accidentalmente. Nella ricostruzione dei genitori del giovane invece, che avevano indicato sei ragazzi come presunti responsabili dell'accaduto, Domenico sarebbe stato tenuto fuori dalla finestra per le gambe da alcuni compagni prima di precipitare giù. Il giudice, invece, ha deciso di chiudere l'inchiesta con un'archiviazione.