Microsoft Windows Mobile riveduto e corretto per nuovi dispositivi

Microsoft Windows Mobile riveduto e corretto per nuovi dispositivi

In occasione di Computex 2017 Qualcomm Technologies, Inc., sussidiaria di Qualcomm Incorporated (NASDAQ: QCOM), ha annunciato oggi che ASUS, HP e Lenovo sono i primi OEM (original equipment manufacturers) a sviluppare PC mobili alimentati dalla piattaforma Qualcomm® Snapdragon™ Mobile PC dotata delmodem all'avanguardia X16 LTE. Ebbene, non solo sono già in fase di test alcuni hardware per la composizione di un futuro smartphone, ma pare che sia stato già inaugurato un nuovo dipartimento che si occuperà dello sviluppo di Windows 10 Mobile. In assenza di comunicazioni ufficiali, come si è detto, non è possibile prevedere quali saranno i tempi di elaborazione del nuovo s.o. e di immissione nel mercato, anche se i bene informati parlano di circa un anno, tempo necessario per rielaborare il sistema ed effettuare tutti i test del caso.

Attualmente non sono ancora state mostrate macchine con a bordo il processore, ma siamo quasi sicuri che si tratterà di dispositivi fanless e dallo spessore molto ridotto, dedicati soprattutto ad un'utenza che cerca un prodotto da tenere in casa e da usare in famiglia, oppure per un lavoratore che necessita di un sistema sempre scattante e pronto all'uso.

Non è una gran notizia che Windows Phone e Windows 10 Mobile abbiano perso la loro sfida nel mondo del mobile, non riuscendo a scalzare il predominio di Android e iPhone.

Windows 10 ARM
Microsoft Windows Mobile riveduto e corretto per nuovi dispositivi

Secondo il report di Thurrott.com, il nuovo device Microsoft potrebbe anche avere un'interfaccia differente rispetto a quella a cui siamo abituati, le app universali (Universal Windows Platform) saranno le uniche disponibili al download, con la conseguente perdita della retrocompatibilità delle vecchie app per Windows Phone.

Windows 10 Mobile non è mai decollato, addirittura indiscrezioni dicono che Windows possa definitivamente abbandonare quel ramo.

Per quanto riguarda il processore che dovrebbe supportare il nuovo sistema operativo, secondo NeoWin l'ipotesi più accreditata è che a Redmond si stia lavorando su processori ARM, avvalendosi della tecnologia C-SHELL. L'azienda di Redmond naturalmente, non ha confermato né smentito nulla, quindi per saperne di più bisognerà attendere gli sviluppi dei prossimi mesi.