Macron, inascoltato il grido d'aiuto dell'Italia sui migranti

Macron, inascoltato il grido d'aiuto dell'Italia sui migranti

Gentiloni ricorda che "l'Italia e la Francia sono paesi talmente vicini e amici che non solo lavoreremo insieme ma sarà una gioia lavorare insieme".

Dal canto suo Gentiloni ha sottolineato che Italia e Francia intendono lavorare insieme "su una politica monetaria europea che vada nella direzione di un'unione fiscale e monetaria, su regole comuni che l'Italia intende rispettare e che devono sempre incoraggiare la convergenza e non le differenze tra Paesi europei".

Fra gli altri temi, il premier italiano e il presidente francese hanno parlato dell'imminente G7 a Taormina, di Europa, accordo sul clima, della situazione in Libia e delle tensioni fra Ucraina e Russia.

"Dobbiamo migliorare questa Europa che protegge - ha detto Macron - conosco la sfida che l'Italia ha vissuto in materia di immigrazione, il mio auspicio è che si possa arrivare a una vera riforma del diritto di asilo e delle regole che oggi abbiamo per proteggere gli stati maggiormente sottoposti alla pressione migratoria".

L'elezione di Macron all'Eliseo rappresenta un'iniezione di fiducia per l'Europa che va investita nella lotta al terrorismo e per affrontare la questione migratoria. "Non abbiamo ascoltato abbastanza il grido di aiuto dell'Italia sulla crisi dei migranti", ha ammesso.

Sul tavolo i temi principali che verranno affrontati nel corso del summit, come immigrazione, sicurezza, crescita e commercio internazionale. "Ora bisogna investire questo capitale in una direzione comune" a cominciare dall'unire le nostre azioni "in termini di difesa e sicurezza". "Voglio anche che insieme si possa progredire su un'agenda per proteggere meglio i nostri lavoratori", ha aggiunto.

"Il fatto che il presidente del Consiglio italiano sia venuto a trovarmi a Parigi è molto importante per me dopo gli scambi che ho avuto con la cancelliera Merkel e il presidente del Consiglio europeo Tusk": così il presidente francese Emmanuel Macron nella dichiarazione congiunta alla stampa con Paolo Gentiloni prima della cena "amichevole" con il capo del governo italiano all'Eliseo. "Sono certo - ha concluso - che Italia e Francia lavoreranno insieme per una Unione Europea più forte e più vicina ai cittadini".