Legge elettorale, ritirato il testo base: i tempi si allungano

Legge elettorale, ritirato il testo base: i tempi si allungano

Il Pd ufficializza così, in commissione Affari costituzionali della Camera, il suo no all'Italicum bis per bocca del suo capogruppo, Emanuele Fiano. E speriamo lo faccia rapidamente.

"Sul tema del ruolo di relatore mi riservo fino a domani per una valutazione che farò anche assieme ai colleghi", ha detto Mazziotti, annunciando la convocazione dell'ufficio di presidenza della Commissione.

Insomma questo Mattarellum bis potrebbe convenire anche a Forza Italia se si creerà una coalizione di centrodestra e pure agli ex Pd che potrebbero tornare ad essere determinanti per far vincere nei collegi uninominali. Non pensi il Partito democratico di procedere a colpi di maggioranza, l'ha già fatto con l'Italicum e gli è andata male, l'ha fatto con la Riforma Costituzionale e gli è andata male, non vorremmo riprodurre lo stesso clima e magari gli stessi risultati: una gran perdita di tempo. Diteci dei no o dei sì, fate emendamenti, avanzate controproposte. Sono passati ormai quasi sei mesi dal referendum: per favore, non prendete in giro i cittadini. "Ma il PD, che fino alle 19 di giovedì ci stava, ha cambiato idea dieci minuti prima dell'inizio della commissione e ha deciso di bocciarlo".

"Con questa loro arroganza e irresponsabilità, sarà impossibile scrivere un testo condiviso e, quindi, la loro intenzione di arrivare a prendere la pensione privilegiata, che scatterà il 15 settembre, sarà portata a compimento". "In Commissione Affari Costituzionali della Camera ne succedono di tutti i colori". La scheda che avrà l'elettore sarà unica, in questo uguale allo "stimmzettel" tedesco: sulla sinistra dovrà barrare il nome dei candidato del collegio uninominale e sulla sinistra apporre una croce sul simbolo del partito.

"Trovo assurdo approvare alla Camera un testo di parte come il Mattarellum corretto, poi andare al Senato, dove questa roba è fumo negli occhi, e vedere come va" prosegue il parlamentare del gruppo Civici ed Innovatori, osservando: "Senza Ap, M5S e Forza Italia gli mancano più di cento voti". In omaggio alla consuetidine di dare nomi cretini alle leggi elettorali, è battezzata Rosatellum da l nome del capogruppo PD Ettore Rosato anche se il M5S propone un altro soprannome: il Verdinellum, visto che la proposta PD è molto simile a una fatta da ALA.

GENTILONI SI CHIAMA FUORI, E' COMPETENZA DEL PARLAMENTO - "Non vorrei sconvolgere i giornalisti russi parlando della legge elettorale italiana". Lo scrive Davide Zoggia, di Mdp, su Facebook. Vediamo allora cos'è e come funziona questo sistema di voto sponsorizzato non solo dal Partito Democratico, ma anche dalla Lega Nord. "Non possiamo morire di tattica politica, magari solo perché immaginiamo una legge elettorale che vuole far nascere alleanze innaturali", conclude.