Inter, Vecchi: "Oggi tirate fuori le energie giuste. Gabigol? Ci saranno provvedimenti"

Inter, Vecchi:

Così Stefano Vecchi dopo il successo contro la Lazio nella penultima giornata di Serie A: "Non riusciamo a giocare con continuità e non riusciamo a gestire bene le gare anche perché ci sono parecchi giocatori con individualità molto spiccate e meno di palleggio - ha sottolineato il tecnico dell'Inter ai microfoni di 'Premium Sport' - I leader di questa squadra?" Chi confermare? E' una stagione che dà adito a molte valutazioni: da una squadra che era vicina alla zona Champions League ad una che si è trovata in due mesi a sembrare la squadra più scarsa del campionato. "I ragazzi si son abituati al nuovo modo di lavorare".

Gabigol è uno dei tanti misteri dell'Inter di quest'anno: pagato fior di milioni non è statopraticamente mai schierato dai vari tecnici che si sono succeduti sulla panchina, da Frank De Boer a Stefano Pioli fino al 'traghettatore' Stefano Vecchi. Sta a me richiamarli all'attenzione, e non è facile essere al top dal punto di vista mentale. "Ma in questo momento ogni partita è difficile, non abbiamo una squadra con delle certezze", ha dichiarato. Ma c'è chi ha subito comunque l'ennesima onta stagionale: Gabriel Barbosa. "Oggi l'abbiamo vinta perché abbiamo tirato fuori energie che non sono state tirate fuori prima".

Sull'impegno contro la Lazio: "La partita in Coppa Italia l'ho vista ed appunto per quella partita non sappiamo cosa ci possiamo aspettare". In questa stagione lui ci ha messo del suo con il fatto di essere demotivato.

L'Inter ha bisogno di un allenatore come Mourinho? Ora tocca a me, con i miei limiti, cercare di portare a termine la stagione. Eder è stato fuori, ad esempio, ed è un titolare della Nazionale Italiana. Un inserimento di Andrea Pinamonti? Pinamonti è un ragazzo che conosco benissimo, avrà un futuro importanti. All'interno di una squadra senza problemi probabilmente domani avrebbe giocato. Come farebbe chiunque, nei momenti in cui vorresti dare tutto ma ti ritrovi a non poter fare altro che accontentarti di scampoli di minuti a partita. "Per squadra e blasone ha bisogno del miglior allenatore del mondo".