Germania, confermata una crescita brillante del PIL nel 1° trimestre

Germania, confermata una crescita brillante del PIL nel 1° trimestre

Nel 2017 il Pil crescerà dell'1%, grazie al contributo positivo della domanda interna in forte espansione.

Roma, 22 mag. (askanews) - Nel 2017 si prevede un aumento del prodotto interno lordo pari all'1% in termini reali. Tuttavia "la diversa intensità della crescita rispetto a quella dell'area euro costituisce una caratteristica dell'attuale ciclo economico", sottolinea l'istituto.

Per il futuro, infine, "i rischi al ribasso sono costituiti da una più moderata evoluzione del commercio internazionale e dall'eventuale riaccendersi di tensioni sui mercati finanziari". Lo rileva l'Istat nelle prospettive economiche per l'anno in corso.

Il gap resta anche considerando i numeri del primo trimestre 2017, periodo in cui il livello del Pil italiano è cresciuto dell'1,9% contro il 3,5% dell'area euro.

L'apporto della variazione delle scorte, invece, sarebbe stato nullo e quello della domanda estera netta addirittura marginalmente negativo (-0,1%).

In particolare, la spesa per servizi ha seguito una dinamica molto contenuta. Tra i maggiori Paesi europei, la Spagna ha segnato il tasso di crescita più elevato della spesa per consumi (+3,2%) mentre Germania e Francia hanno registrato aumenti in linea con la media dell'area euro (rispettivamente +2,0% e +1,9%). Secondo le previsioni Istat, quest'anno in Italia la spesa delle famiglie e Isp aumenterà ma dell'1%, con un tasso più contenuto rispetto ai due anni precedenti, e sarà influenzata dai miglioramenti sul mercato del lavoro, dalla ripresa dell'inflazione e del contenimento del potere di acquisto. Inoltre, "il miglioramento dei livelli occupazionali dovrebbe proseguire nel 2017 (+0,7% in termini di unità di lavoro) ma in decelerazione rispetto agli anni precedenti".