G7 a Taormina, 7mila agenti per la sicurezza

G7 a Taormina, 7mila agenti per la sicurezza

Oltre 7mila unità delle forze di polizia, più 3mila militari per la sicurezza del vertice G7 di Taormina in programma il 26 e 27 maggio prossimi. "Siamo pronti a qualunque evenienza e con la collaborazione delle forze dell'ordine e delle altre autorità e istituzioni avremo un quadro di sicurezza sanitaria inattaccabile". Gli spostamenti avverranno in auto e, sino alla giornata di mercoledì anche attraverso i treni che collegano Catania a Messina. La sottosegretaria alla presidenza del Consiglio, Maria Elena Boschi, terrà oggi la conferenza stampa di presentazione del summit insieme al commissario straordinario per le opere del G7, Riccardo Carpino, il capo delegazione, Alessandro Modiano e il sindaco di Taormina, Eligio Giardina.

Dal 25 al 28 maggio, inoltre, divieto di accensione di fuochi d'artificio a Castelmola, Giardini Naxos e Taormina.

Erano presenti l'assessore Baldo Gucciardi e il referente regionale sanitario del G7 Fabio Genco.

Il carico di lavoro in più che il personale dovrà reggere, anche se solo per pochi giorni, non sarà indifferente ed è per questo motivo che il sindacato Uil Fpl ha richiesto di far lavorare lo staff fuori dall'orario di servizio con un progetto obiettivo: "Noi non abbiamo fondi per progetti obiettivi quindi tutta l'attività sarà svolta in regime ordinario rispettando le norme del riposo e il tetto massimo di ore lavorative- ha precisato Sirna - Anche in assenza di risorse aggiuntive riusciremo comunque a mantenere il piano sanitario che abbiamo previsto con la presenza in guardia attiva di una serie di professionisti che si daranno il cambio". Con gli ospedali di Messina e Catania sono già stati codificati dei percorsi di trasferimento secondo cui i neurologici verranno indirizzati al Policlinico di Messina, gli ustionati al Cannizzaro di Catania, i gravi politraumatizzati saranno smistati tra il Policlinico e il Cannizzaro. E' il terzo episodio di falso allarme che si verifica in questi giorni a Taormina con altrettante segnalazioni di zaini sospetti. Questioni strettamente legate alla nuova Agenda per lo sviluppo sostenibile approvato dall'Onu: nel 2030 ci saranno 650 milioni di persone che soffriranno ancora la fame.