Attentato al concerto di Ariana Grande a Manchester

Attentato al concerto di Ariana Grande a Manchester

La polizia ha confermato che ci sono vittime e feriti. In una nota del ministero degli Esteri di Teheran si sottolinea che il "terrorismo potrà essere sradicato soltanto con ferma determinazione e con la creazione di un meccanismo senza due pesi e due misure". Molti hanno anche usato i taxi per raggiungere ospedali alla ricerca di persone care. Tanti erano giovanissimi fan della cantante: ci sarebbero anche alcuni bambini. Poche parole lasciate a un tweet - "Sono distrutta", l'attrice e cantante nata a Boca Raton, cittadina solare che si affaccia sulle spiagge della Florida, in fondo si sente una di loro.

"Posso confermare che l'omicida è morto nell'arena". Hopkins ha esortato la stampa a non "fare speculazioni sulla sua identità o fare circolare nomi". La polizia ha aggiunto che sta cercando di capire se si sia trattato di un "lupo solitario" o se ci sono complici. Un boato ha scatenato il panico fra gli spettatori.

AJ non è stato l'unico a scendere in strada e prestare soccorso a chi ne aveva bisogno, rinunciando al compenso. La folla si è subito riversata in strada, mentre arrivavano i primi soccorsi.

La polizia, coadiuvata dalla North West Counter Terrorism Unit e dall'unità antiterrorismo di Scotland Yard arrivata durante la notte, ha ricondotto la tragedia ad un attacco terroristico.

Intanto, in attesa di parlare in conferenza stampa a tutti gli inglesi, la premier Theresa May ha additato come "atto orribile" quanto accaduto alla "Manchester Arena", esprimendo inoltre solidarietà alle famiglie delle vittime e dichiarando sospesa la campagna elettorale in vista delle elezioni di giugno. L'assalitore, il 52enne convertito all'islam Khalid Masood, è stato ucciso dalla polizia dopo che ha accoltellato un agente. "Abbiamo visto in azione il peggio dell'umanità ieri sera a Manchester, ma abbiamo visto anche il meglio, ed è questo che dobbiamo ricordare", ha detto. Quello di Manchester si profila come l'attentato terroristico piu' sanguinoso nel Regno Unito dal 7 luglio del 2005 quando una serie coordinata di attacchi suicidi, portata a compimento da 4 terroristi islamici britannici, uccise 52 persone lasciando in terra 700 feriti. Dapprima musica ad accompagnare l'uscita dal concerto, e poi un botto a cui seguono grida scomposte.