Afghanistan, autobomba a Kabul: almeno 150 morti e 300 feriti

Afghanistan, autobomba a Kabul: almeno 150 morti e 300 feriti

L'esplosione è stata così potente che sono andati in frantumi i vetri "a trecento metri di distanza".

Ad aprile, i Talebani avevano attaccato il centro di addestramento di Mazar-e Sharif, nel nord dell'Afghanistan, uccidendo 135 soldati.

Piazza Zanbaq si trova vicino a edifici governativi, tra cui il palazzo presidenziale e l'ufficio del chief executive, e a sedi diplomatiche straniere, tra cui l'ambasciata della Germania e quella dell'India. Da parte sua la missione 'Resolute Support' ha confermato che l'attentato è avvenuto vicino al suo quartier generale, sostenendo di essere impegnata a verificare le condizioni di tutto il suo personale. L'attentato, al momento, non è stato rivendicato. Ma gli indizi non escludono nemmeno l'ipotesi di un attentato dello Stato islamico, che è molto attivo nel paese. Anche l'ospedale della ONG italiana Emergency "è stato danneggiato dall'esplosione".

Lo ha riferito un funzionario pubblico, aggiungendo che il bilancio dei morti e feriti è destinato a salire. I feriti sarebbero circa 300.