Corea del Nord: siamo pronti a rispondere agli Usa col nucleare

Corea del Nord: siamo pronti a rispondere agli Usa col nucleare

Alla parata era presente anche il leader Kim Jong-un che, in abito nero e camicia bianca, è arrivato a bordo di una limousine nera, ha salutato la sua guardia d'onore e si è poi avviato lungo un tappeto rosso verso il podio per assistere alle celebrazioni. Ma Pechino preme su Washington e sul suo scomodo e inaffidabile alleato perchè non si varchi la soglia del non ritorno: "In un'eventauele guerra tra Usa e Corea del Nord non ci possono essere vincitori" ha detto il ministro degli esteri cinese Wang Yi manifestando l'appoggio del suo paese a qualsiasi tentativo di dialogo: "Invitiamo tutte le parti a smettere di provocare e minacciarsi a vicenda e a non permettere che la situazione diventi irreparabile e fuori controllo". La nordcorea ha avvertito gli Stati Uniti d'America e il suo presidente Donald Trump di "essere pronti ad andare in guerra contro gli Usa", qualora vi fosse un atttacco 《preventivo》 da parte americana. "E' con grande preoccupazione che stiamo guardando l'escalation delle tensioni nella penisola coreana: invitiamo tutti i paesi a dar prova di moderazione e ammoniamo contro qualsiasi azione che potrebbe portare a misure provocatorie". A tale proposito Trump ha fatto intendere che se la Nord Corea diventerà un problema serio sarà compito degli Stati Uniti provvedere a risolverlo.

"La guerra potrebbe scoppiare in ogni momento". Il viceministro ha puntato il dito contro le "manovre militari spericolate" degli Usa e possibili "attacchi preventivi", avvertendo che Pyongyang "ha un potente deterrente nucleare".

Oggi è la 'Giornata del Sole', la festa nazionale più importante della Corea del Nord. La ricorrenza è ritenuta da molti il momento più probabile per il sesto test nucleare del regime che potrebbe arrivare già nella notte italiana e a cui Donald Trump potrebbe rispondere con il gruppo aeronavale della portaerei Carl Vinson, già presente nell'area.

Dopo il posizionamento da parte degli Usa di due cacciatorpediniere con missili Tomahawk non lontano dalla Nordcorea il paese asiatico non arretra e si dice pronto ad una eventuale conflitto.

Pentagono non commenta su attacco preventivo - Il Pentagono non commenta le indiscrezioni della Nbc, secondo le quali gli Stati Uniti sarebbero pronti a un attacco preventivo alla Corea del Nord nel caso di imminente test nucleare da parte di Pyongyang.

L'ipotesi che ciò accada è molto realistica, in quanto Pyongyang ha assicurato che il grande evento è vicino. Un evento di rilievo si è già tenuto nella capitale nordcoreana alla presenza di Kim Jong-un, che ha inaugurato uno dei maggiori progetti abitativi di Pyongyang, mostrando come la Corea del Nord nonostante le sanzioni continui a crescere.