Valentino Rossi: "Serve qualcosa di miracoloso"

Valentino Rossi:

Ma al box VR46 ci sono difficoltà nel distillare la massima prestazione e quasi si invoca un miracolo. Ho avuto la possibilità di fare una sola run di 10 giri ed ho fatto il mio miglior tempo alla fine con la gomma usata. Marquez sorride a metà: "Sono contento per il passo, ma non è stata la mia giornata migliore: sono caduto tre volte, di cui due per la perdita dell'anteriore". Vinales dopo aver dominato i test di novembre 2016 a Valencia, si porta a casa anche quelli 2017 di Sepang, Phillip Island e Losail, un segnale fortissimo e un avvertimento per tutti i suoi avversari. "Sono un po' preoccupato, non siamo ancora pronti per la prima gara". La Yamaha M1 ha un ottimo potenziale, i tempi di Maverick Vinales parlano chiaro. La sensazione che passando da Lorenzo a Viñales Valentino sia passato dalla padella alla brace è stata insomma confermata in questo mese e mezzo di test in cui, al contrario del nuovo partner che sembra nato sulla M1, il Dottore non ha mai trovato il filo del discorso tecnico. In vista della gara mi sento bene. E' importante vedere che il mio compagno di squadra Dovizioso è stato molto veloce e questo dimostra che su questa pista la Ducati va molto forte e che anche io sicuramente ho margine per migliorare. Ora guarderemo i dati, discuteremo e cercheremo di capire cosa serve per far andare al massimo questa moto. Comincia nel modo meno opportuno anche il campione in carica Marc Marquez. Terzo tempo per un redivivo Dani Pedrosa, a 139 millesimi dal leader, seguito da uno Jorge Lorenzo in forma mondiale a 189 millesimi. Ed è sotto le luci artificiali del Qatar che Danilo Petrucci ottiene l'11° posizione nel primo giorno di test. Un risultato apparentemente non sfolgorante - a differenza delle luci artificiali che contraddistinguono questa gara in notturna -, ma che desta comunque ottimismo negli animi del team Pramac.

Alla lista dei delusi di giornata va poi aggiunto anche l'altro italiano Andrea Iannone, che dopo l'ennesima scivolata solo grazie ad un ultimo guizzo finale è riuscito a portare la sua Suzuki al dodicesimo posto, subito alle spalle di Rossi.