Serie A, disfatta Roma: battuta in casa dal Napoli 2-1

Serie A, disfatta Roma: battuta in casa dal Napoli 2-1

ALLA JUVE PER CRESCERE - In una società perfettamente organizzata come la Juventus, invece, Spalletti (il candidato principale, ma non l'unico, alla successione di Max Allegri a partire dal 1° luglio) potrebbe dedicarsi 'solo' ad allenare la squadra, a fare la formazione e gestire le questioni prettamente di spogliatoio.

Cambio di modulo e cambio di uomini per la Roma nella sfida dell'Olimpico col Napoli. Spalletti sceglie il 4-2-3-1 dove Perotti, Nainggolan ed El Shaarawy, preferito a Salah (staffetta al 52'), agiranno alle spalle di Džeko. Scelte a sorpresa anche per Sarri che nel suo 4-3-3 a centrocampo assieme ad Hamsik schiera sia Rog sia Jorginho. Nella ripresa il copione non cambia e dopo cinque minuti il Napoli trova lo 0-2 con Mertens che sfrutta al meglio l'assist proveniente dalla sinistra di Insigne e gonfia la rete per la seconda volta. Nainggolan così ci prova da fuori (tiro parato da Reina), mentre Hamsik trova bene Mertens in mezzo, ma il suo colpo di testa è alto. Perotti centra la traversa nel recupera, ma la Roma di Spalletti è ancora battuta. È poi Perotti a sfiorare il palo del portiere spagnolo. Annullato il 2-0 di Mertens al 39′, con il belga che fredda Szczesny in uscita. Fazio (visibilmente stanco nelle ultime due gare) sbaglia un appoggio semplice in costruzione dal basso, mentre Rudiger si era già allargato sulla destra.

Le emozioni arrivano solo nei minuti finali del match. L'interno destro dell'egiziano esce di un soffio a Reina battuto. Il finale è convulso: Strootman all'89 imbuca di sinistro l'1-2 della speranza. Il gol riaccende la Roma. In conferenza, Spalletti si espone su stadio, mercato, Totti, rinnovi di contratto. Mette lo zampino su entrambi i gol del napoli, prima facendosi infilare da Mertens e poi regalando un pallone a Rog che fa ripartire il contropiede da cui arriva il raddoppio azzurro. Poi il sinistro di Perotti che di poco finisce fuori. Il tecnico giallorosso analizza la gara a Premium: "Loro sono stati molto più bravi nella velocità e nel far girare palla, non siamo quasi mai riusciti a incastrare e alzare i ritmi della partita, ci hanno penare per riconquistare il pallone". 0-2 e partita in discesa per il Napoli, che prova a chiuderla in più di un'occasione. Ma parlare di stanchezza peggiora solo la situazione, non ho né vantaggi né meriti a dirlo. Sono discorsi da fare tra di voi, ma io non partecipo.