SBK Thailandia 2017, Buriram: le pagelle da 10 a 0!

SBK Thailandia 2017, Buriram: le pagelle da 10 a 0!

Il vantaggio con cui esce dalla trasferta in Thailandia è di 30 punti (100, contro i 70 di Chaz Davies): non incolmabile ma nemmeno ininfluente, se pensiamo che sono state corse appena 4 manche e che, soprattutto, nel biennio precedente Rea si è dimostrato tanto veloce quanto tremendamente costante, e dunque capace di contenere alla (quasi) perfezione i danni nelle giornate meno positive per lui, rendendo arduo ogni pensiero di rimonta dei suoi avversari per la corsa all'iride. Anche oggi Tom Sykes riesce ad avere la meglio su Marco Melandri nel corso dell'ultima staccata e guadagna la seconda piazza. Rea ha elogiato la sua squadra dopo la bella gara, iniziata con una grande partenza dopodiché non si è mai voltato indietro: "Mi sentivo veramente bene e abbastanza tranquillo, i miei ragazzi mi hanno dato di nuovo una grande moto e questo era il mio piano". Arrivando dalla terza fila sarà dura, è una pista questa dove è difficile superare. L'augurio è che le cose cambino il prima possibile, altrimenti ci potrebbe essere anche il rischio cambio di sella. "Spero che sarò forte nella frenata, ma nel complesso è abbastanza accettabile".

Jonathan Rea ha conquistato il 50esimo podio per Kawasaki sulla pista del Buriram, dove ha vinto entrambe le gare e firmato anche la pole position.

E' stata una gara anomala, divisa in due manche dalla bandiera rossa, sventolata dopo la brutta caduta di Savadori al sesto giro, dovuta alla rottura del motore dell'Aprilia del giovane italiano, che ha sporcato di olio la pista.

Quattro gare disputate dall'inizio del campionato ed altrettanti successi per il nordirlandese che sta mantenendo la promessa fatta a fine 2016, ovvero, provare a conquistare il terzo titolo, vincendo più gare possibili: "da quando ho iniziato a correre, questo è il miglior inizio stagione di sempre -dichiara felicemente Rea- con quattro vittorie consecutive". Chi invece ci ha provato con più convinzione è stato proprio Chaz Davies, ma se in Gara1 si è messo in tasca un altro secondo posto, in Gara2 un errore con conseguente scivolata l'ha tolto dai giochi. Stefan Bradl (Red Bull Honda World Superbike Team) è scivolato alla curva 12 dopo i primi 5 giri della seconda gara, mentre Randy Krummenacher (Kawasaki Puccetti Racing) si è ritirato per problemi meccanici alla metà dei 16 giri. Michael van der Mark (Pata Yamaha Official WorldSBK Team) purtroppo non ha potuto prendere parte alla seconda partenza per problemi tecnici alla sua Yamaha. Nicky Hayden è settimo, mentre alle sue spalle vi sono Xavi Forés, Roman Ramos e Markus Reiterberger. Si riparte con sedici giri da completare.

Il MOTUL FIM Superbike World Championship ora tornerà in Europa per il terzo round al MotorLand Aragon, tra tre settimane.