Marchionne: La Panda via da Pomigliano, forse in Polonia

Marchionne: La Panda via da Pomigliano, forse in Polonia

Perciò, l'acquisizione di Opel da parte di Psa è "un primo passo nella giusta direzione" e "stimolerà altri accordi" nel settore automobilistico, ha detto ancora Marchionne, sottolineando che si tratta di "un buon accordo: sarà un buon incoraggiamento per l'industria". Aggiungendo: "Lo stabilimento di Pomigliano ha la capacità di fare altre auto". Ma è tutto da vedere.

"La Panda andrà altrove, ma non ora, intorno al 2019-2020". Ed anzi sorprende un po' l'entusiastica reazione del segretario nazionale della Fim Cisl che ha immediatamente dettato: "Le dichiarazioni dell'Ad di Fca sulla possibilità che a Pomigliano vengano assegnate vetture di fascia superiore, sono una conferma positiva".

Lascia qui il tuo commento! Finchè ci sono io no". e su Gm ha risposto "Non chiudo mai nessuna porta, impossibile chiudere la porta con Gm perchè non si è mai aperta. Comunque non cambia niente. "Sono convinto come anni fa che mettere insieme tutti questi business" sia "fondamentale, senza dimensione finiremo per avere margini sempre più bassi e non sarà possibile avere business sano e produttivo". "Il mio termine finale è nel 2020-21". Ho bussato e non ho avuto risposta. E' quanto afferma Crescenzo Auriemma, segretario regionale Uilm, commentando l'annuncio dell'Ad Sergio Marchionne, della volontà di Fca di spostare la produzione della Panda, modello realizzato a Pomigliano, altrove. "Se potesse rivelarsi utile per il business lo farei".

La produzione della prossima Panda saràtrasferita in un nuovo stabilimento Fca e a Pomigliano d Arcoarriveranno nuove auto. "È stato un grande sforzo - ha aggiunto - non solo finanziario, siamo contenti di quanto fatto tecnicamente con la piattaforma con Giulia e Stelvio, ora bisogna completare la gamma". Spiega Marchionne. "Riporteremo dal Messico alcune attività, questo lo otterrà, ma è una cosa che riguarda il mercato americano e l'occupazione americana", ha aggiunto.