Donnarumma-Juventus: i cinesi del Milan fanno chiarezza

Donnarumma-Juventus: i cinesi del Milan fanno chiarezza

"Se vogliono che vada via, me lo dicano.".

Queste, alcune delle dichiarazioni rilasciate da Mino Raiola ai microfoni di Premium Sport a riguardo di alcune recenti critiche indirizzate al suo assistito, Gianluigi Donnarumma, con un occhio rivolto ad un possibile futuro cambio di casacca. Tuttavia, non è ancora successo nulla: "si fanno drammi senza motivo, è meglio che tutti stiano calmi". Incredibili. Lui sta facendo il suo percorso e lo sta facendo bene. Sicuramente i tifosi rossoneri non potranno dormire tranquilli, perché la possibilità che Donnarumma lasci il Milan tra qualche anno non è per niente remota, nonostante il giocatore abbia più volte baciato la maglia e promesso amore e fedeltà per i colori rossoneri. L'estremo difensore del Milan, come è stato detto più volte, ha ampiamente bruciato le tappe di una carriera che si prospetta di altissimi livelli. "Ho detto a Galliani e a tutti che voglio prima capire il progetto che ci sarà". Vogliamo avere il tempo per fare delle scelte giuste.

Una cosa però sembra essere emersa con nitore indubitabile, l'idea del procuratore campano non è quella di portare Donnarumma a scadenza di contratto e strapparlo via gratis al Milan, ma piuttosto consentire al club rossonero di venderlo a giugno e monetizzare dalla sua cessione: "Gigio vale come un Modigliani, che è uno degli artisti più importanti d'Italia". Il prezzo lo farà il Milan, è tesserato per loro. Se piace alla Juventus? Non so se il contratto di Donnarumma scade assieme a quello di Buffon, non l'ho fatto io quello di Buffon. Sa gestire ogni situazione. "L'interesse dalla Juventus? Chiedete a Marotta, Paratici e Nedved".