Trump: grande giorno, ok a muro Messico

Trump: grande giorno, ok a muro Messico

Riprenderemo il controllo dei nostri confini. "È stato organizzato un gran giorno per la Sicurezza Nazionale. Se il Messico non vuole pagare per il tanto necessario muro, sarebbe meglio allora cancellare l'imminente incontro".

La tensione tra i due paesi inizia già a salire. Il governo del Messico è sempre presente per i migranti che hanno bisogno dell' aiuto.

Trump ha anche parlato di tempistica; in un'intervista alla Abc, Trump ha detto che la costruzione del muro con il Messico comincerà "non appena sarà possibile fisicamente", "nel giro di mesi", mentre l'inizio della pianificazione comincerà "immediatamente".

Il tema principale rimane quello del muro, simbolo della politica di Trump.

Adesso è ufficiale, gli Usa si preparano a costruire il muro al confine con il Messico.

Dieci le persone che si sono arrampicate su una gru non lontano dalla Casa Bianca in simbolo di protesta nei confronti delle scelte di Trump. Nel piano rientrano poi la costruzione di nuovi centri di detenzione al confine e il taglio dei fondi federali per le cosiddette "città santuario", i centri di maggior passaggio degli immigrati irregolari. La notizia ha un alto valore simbolico dato che si tratta di uno dei capisaldi su cui si è fondata la sua corsa verso la presidenza, oltre che uno dei temi maggiormente contestati dagli esponenti del Partito Democratico.

Il presidente starebbe valutando anche l'ipotesi di mantenere aperto il carcere di Guantanamo e classificare la Fratellanza musulmana, salita al potere in Egitto per pochi anni, come un'organizzazione terroristica.

Nei suoi primi giorni di presidenza, Donald Trump si sta caratterizzando per il grande attivismo nel mostrare che le promesse fatte in campagna elettorale non erano solo degli annunci propagandistici.