Fiat Chrysler chiude bene il 2016 e promette più utili per quest'anno

Fiat Chrysler chiude bene il 2016 e promette più utili per quest'anno

Il gruppo italo-americano con sede in Olanda ha annunciato per il periodo ottobre-dicembre 2016 un utile operativo (Ebit)adjusted di 1,549 miliardi di euro, in lieve aumento rispetto agli 1,53 dello stesso periodo del 2015;l'utile netto è raddoppiato da 196 a 409 milioni. Il titolo Fca, già in rialzo a Milano prima dei conti, ha accelerato e alle 11.50 guadagnava oltre il 3% a 10,5 euro.

Il cda di Fiat Chrysler Automobiles riunito a Londra ha approvato i risultati di bilancio del 2016 con un utile netto pari a 1,8 miliardi di euro, in deciso miglioramento rispetto ai 93 milioni di euro del 2015. La quota di mercato in Europa è in crescita al 6,5%, quella dei veicoli commerciali leggeri all'11,6%.

Per quanto riguarda l'utile netto adjusted, spiega ancora la nota, il miglioramento deriva "essenzialmente dall'ottima performance operativa". Le imposte sul reddito sono invece in aumento da 0,7 miliardi a 1,5 miliardi, soprattutto per i maggiori utili in Nafta. In particolare, il mercato apprezza il taglio del debito, sceso nel 2016 a 4,58 miliardi rispetto a 5,04 miliardi del 2015 e la previsione di un ulteriore dimezzamento nell'esercizio in corso per cui l'obiettivo di debito è spostato a 2,5 miliardi. L'utile netto tocca gli 1,8 miliardi di euro, metre l'Ebit (risultato lordo) cresce del 26% a 6,1 miliardi di euro. L'effetto cambi e' negativo per 1,1 miliardi di euro, soprattutto a causa del rafforzamento del real brasiliano. A fine dell'anno scorso la liquidità disponibile era pari a 23,8 miliardi di euro, dai 24,56 miliardi di fine 2015. "I target per il 2017 confermano la convinzione del Gruppo nel raggiungimento degli obiettivi per il 2018". EBIT adjusted in progresso del 26% a 6,1 miliardi di euro e margine in crescita di 120 pb al 5,5%.