Pebble potrebbe essere acquistata da Fitbit per un pugno di dollari

Pebble potrebbe essere acquistata da Fitbit per un pugno di dollari

Pebble è stato uno dei primi produttori di smartwatch compatibili con iOS e Android, tanto da essersi conquistato milioni di utenti con i suoi primi dispositivi.

Nelle ultime ore i supporter di Pebble sono in fermento in seguito alla notizia pubblicata da The Information secondo cui Fitbit, colosso del fitness tracking, starebbe per acquisire Pebble per una cifra non meglio precisata ma di modesta entità.

Negli anni successivi avvennero ulteriori successi grazie a campagne simili che fecero raccogliere a Pebble ben più di 40 milioni di dollari.

L'interesse di Fitbit è legato sia alle proprietà intellettuali del concorrente sia alla possibilità di ridurre la concorrenza, soprattutto se quest'ultima, come nel caso di Pebble, non sta navigando in ottime acque.

Un valore decisamente basso considerando che nell'estate del 2015 Citizen voleva acquistarla per 740 milioni di dollari; operazione bloccata dall'AD Eric Migicovsky che aveva anche respinto l'offerta di 70 milioni da parte di Intel. La colpa è da ricercare nel settore degli indossabili, che non è cresciuto per come gli investitori si attendevano e che ha influito negativamente sull'azienda, che però continua ad essere in positivo nel proprio business principale. All'inizio dell'anno sono stati licenziati 40 dipendenti (25% della forza lavoro) e oggi l'azienda ha debiti per quasi 30 milioni di dollari. Secondo le indiscrezioni che arrivano da "The Information" il costo dell'acquisizione oscilla intorno ai 40 milioni di dollari. Il nuovo proprietario avrebbe già deciso di interrompere la produzione degli smartwatch Pebble.