Nessun ribaltone sulla panchina del Palermo: De Zerbi Resta

Nessun ribaltone sulla panchina del Palermo: De Zerbi Resta

A sorpresa, dopo una notte di riflessione, Maurizio Zamparini ha confermato Roberto De Zerbi sulla panchina del Palermo.

Sono ore decisive per l'esonero di De Zerbi, allenatore del Palermo che sembra davvero in procinto di lasciare il club rosanero dopo la sconfitta di ieri contro la Lazio. Discorso divesro per quanto riguarda Corini, un tecnico che Zamparini non ha mai amato sino in fondo nonostante ieri lo avesse chiamato per convocarlo a casa sua in Friuli per un colloquio.

L'altro nome in rampa di lancio potrebbe essere quello di Eugenio Corini.

"Cercheremo con estrema determinazione - prosegue la nota - di uscire da questa situazione insieme a De Zerbi, poiché credo che soluzioni diverse non porterebbero risultati più positivi". Il presidente, forse per la prima volta, ammette candidamente che "i motivi della situazione negativa vanno con serenità ricercati sia nella rosa costruita dalla società e nella serie impressionanti di infortuni che hanno tolto uomini determinante".

In pole position per sostituirlo c'è Davide Ballardini, il cui staff è ancora sotto contratto con il Palermo: già sondati invece i profili di Edy Reja e Mandorlini che hanno risposto, entrambi, con un no secco. Bisognerà decidere in fretta visto che tra due giorni il Palermo scenderà di nuovo in campo per la partita di Coppa Italia contro lo Spezia mentre domenica bisognerà affrontare la Fiorentina di Paulo Sousa.

Quindi la conclusione: "Invito la squadra a credere nella salvezza: crederci sarà determinante, credendo io (anche dalle prestazioni) che questo organico e questo allenatore non siano da questa classifica. Comunque, anche con l'arrivo imminente di nuovi soci che porteranno nuovi capitali per la società, io resterò, anche se non come presidente, sino a che in un futuro non lontano torneremo in Europa".