Incendio raffineria Sannazzaro, Eni: "Cessato allarme. Cause da chiarire"

Incendio raffineria Sannazzaro, Eni:

RAFFINERIA SANNAZZARO, VIDEO INCENDIO E INCIDENTE PAVIA: NON CI SONO FERITI, NESSUN PERICOLO PER LA POPOLAZIONE (ULTIME NOTIZIE OGGI 1 DICEMBRE 2016) - In una delle più grandi raffinerie d'Italia è scoppiato oggi un incendio: si tratta di quella Eni di Sannazzaro de' Burgondi, in provincia di Pavia.

L'allarme è cessato venerdì mattina poco prima delle otto e adesso si fa la conta dei danni. Arpa Lombardia informa che verrà inoltre verificato lo stato del corpo idrico in cui scarica il depuratore interno, che ha raccolto le acque di spegnimento.

La sala operativa della Protezione civile regionale in serata ha affermato che non ci sono state, al momento, ricadute al suolo dei fumi e non risultano segnalazioni di problemi di tipo sanitario per la popolazione. "Avevamo paura che l'incendio si propagasse al reattore di fianco - prosegue l'agricoltore - ma per fortuna i sistemi interni devono avere funzionato".

Squadre dei Vigili del Fuoco provenienti da tutta la provincia di Pavia stanno ancora cercando di domare l'incendio.

Finita l'emergenza, lunedì riapriranno anche le scuole che ieri sono rimaste chiuse per precauzione. Non si registrano danni alle persone.

L'Arpa ha spiegato che l'evoluzione e le condizioni meteo nella giornata di ieri durante hanno fatto sì che il fumo, una volta in quota, rimanesse confinato negli strati più elevati della bassa troposfera, senza ricadute locali. Domani pomeriggio pronti anche i primi risultati dei campionamenti in corso nelle zone di direzione del vento.

Niente allarme inquinamento nella zona della raffineria esplosa vicino Pavia: in relazione all'incendio che si è sviluppato presso l'impianto Est della Raffineria di Sannazzaro de' Burgondi, Eni comunica il cessato allarme e specifica che non ci sono segnali di inquinamento significativo dell'aria nella zona. Tutto il personale diretto e indiretto sta entrando nella Raffineria per le quotidiane attività. Intervenuti immediatamente i vigili del fuoco e gli uomini del 118.