Sparatoria in strada, uccisa la figlia del velocista Tyson Gay

Sparatoria in strada, uccisa la figlia del velocista Tyson Gay

La polizia di Lexington ha diffuso la notizia che comunica la morte della figlia 15enne del velocista statunitense Tyson Gay, colpita a morte mentre si trovava in un fast food a Lexington, in Kentucky. Trinity Gay è rimasta infatti coinvolta in una sparatoria all'uscita da un ristorante a Lexington, nel Kentucky ed una pallottola l'ha trafitta al collo.

La ragazza era stata portata in fin di vita in ospedale con un'auto privata sabato sera ma è spirata alle 5 del mattino. Dei testimoni hanno riferito di uno scontro a fuoco tra due veicoli, la Charger e un'auto sportiva di colore scuro con vetri oscurati. Ha 15 anni. È Trinity Gay. Queste le dichiarazioni di Tyson Gay, comprensibilmente sconvolto: "Non ce l'ha fatta, sono così confuso". E' figlia di Tyson, uno dei migliori sprinter al mondo dell'ultimo decennio, triplice campione del mondo a Osaka 2007 tra 100, 200 e 4x100, in agosto frazionista della staffetta veloce a stelle e strisce in gara all'Olimpiade di Rio. La scorsa settimana, approfittando del break scolastico, eravamo stati insieme, è una cosa pazzesca.

Due fermi. Trinity, seguendo le orme del padre, era una promettente velocista: in maggio era stata quarta nei 100 e quinta nei 200 ai campionati del Kentucky per atleta della sua età. La polizia sta ancora cercando di localizzare quelli dell'altro veicolo coinvolto.