Spalletti: "Totti? Serve equilibrio"

Spalletti:

Alla vigilia del big match, Luciano Spalletti in conferenza stampa fa come sempre la conta dei suoi uomini: "L'unico indisponibile è Vermaelen, che la prossima settimana comincerà ad allenarsi sul campo". Una partita, quella contro l'Inter, tra due squadre claudicanti. Ha augurato a Francesco Totti di superare il record di goal in Serie A, sottolineando che è molto vicino a questo traguardo. "E se Totti ci sta riuscendo è la dimostrazione del fatto che è sempre stato un professionista serio ed ha sempre fatto una vita da atleta, altrimenti sarebbe impossibile giocare alla sua età". "Ci dobbiamo concentrare sulle cose che possiamo migliorare". Ad ogni modo, è una gara in cui entrambe le squadre potrebbero segnare considerando il reparto difensivo di Roma e Inter non al top. "Anche l'Inter è forte e presto farà vedere il suo valore, c'è da stare all'erta". Due gol, quattro assist e non solo.

Cosa manca alla squadra per trovare l'equilibrio tra gol subiti e fatti? Sono preoccupato per il resto della squadra. A centrocampo De Rossi sarà in cabina di regia, con Strootman e Naingollan interni di corsa e quantità.

"Io non lo conosco, lo conosco pochissimo". "Quando sono arrivato qua - ha confessato dopo la gara di giovedì - vi giuro che ho messo tutto quello che potevo per fare bene". Però ha già una propria personalità, una sicurezza del ruolo. "In molti non sanno cosa succede dove non è la palla, cosa che è altrettanto importante". "Forse bisognerebbe fare una scelta di cultura diversa". C'è un problema di dipendenza dal Capitano?

Infine non può mancare la domanda su Totti, ancora decisivo in Europa League. A giugno volevate fargli fare il tour dell'ultima partita in tutti gli stadi, adesso stiamo a chiedergli la riconferma da titolare in una partita importante. Non dico la formazione, darei vantaggi all'Inter. Ci sono delle situazioni nel nostro calcio con tempistiche che non collimano con il lavoro. Certo, se lo fanno bene, potrebbero metterti anche un po' di timore e farti perdere palla. Dipenderà dalla nostra velocità e lo vedremo domani sera. "Dobbiamo far vedere il livello di squadra e di gioco che abbiamo raggiunto". Che Inter mi aspetto?

Chi si ferma è perduto. Siamo sulla strada buona. Spalletti poi torna a dare i numeri e chiarisce meglio i concetti espressi nella prima parte: "Se facciamo tanti raddoppi di marcatura, o tanti in più degli avversari, vinciamo le partite". Non mi soddisfano, non abbiamo un equilibrio forte di squadra, non siamo al meglio delle addizioni di tutti questi numeri. Non ho mai sentito parlare di quante volte un giocatore va al di là della linea difensiva. Callejon è il più forte di tutti, Salah è molto bravo.

Non mi piace dire queste cose. Nainggolan, sia nel 4-2-3-1 che nel 4-2-4, sarà il centrocampista più offensivo.

Consiglierebbe a Totti di fare il dirigente o l'allenatore? Totti non è nelle condizioni di giocare partite ad alta intensità? Ho detto da subito che diventa fondamentale la gestione della squadra. "Chi fa il bene della squadra viene preso in considerazione, siccome lui ha fatto bene viene preso in considerazione". "Naturalmente valuto le altre cose a cui alludevate dicendo che quest'anno avrebbe smesso".

A me mi fa solo piacere quando la squadra migliora. Il tridente senza Dzeko è sembrato essere più affidabile, perché dà meno punti di riferimento agli avversari e può sfruttare al massimo la capacità di attaccare la porta di Salah ed El Sharaawy. "Devo tenere di conto di tutto".